Condividi la notizia

SICUREZZA

Il consiglio comunale di Polesella dà il via libera alla nuova sede della polizia locale

Il Comando Polizia Locale intercomunale associata avrà una nuova sede, lo ha deciso il consiglio comunale di Polesella (Rovigo), minoranza contraria

0
Succede a:

POLESELLA (Rovigo) - Il 30 novembre si è tenuta la seduta del Consiglio Comunale di Polesella che vedeva, tra gli argomenti di rilievo: la destinazione dell’erogazione del “Fondone” interministeriale Covid, e la proposta di acquisto del palazzo in via Matteotti, ora di proprietà della sciolta Unione dei Comuni Eridano e che verrà destinato a sede del Comando Polizia Locale intercomunale associata, di cui il Comune di Polesella è capofila.

Il Capogruppo di Polesella Domani, Franco Modena, in merito al primo punto, ha evidenziato come l’acceso ai fondi previsti dal Fondo straordinario istituito presso i Ministeri dell’Interno e delle Finanze con decreto del 1° aprile scorso non sia che premiante di quell’autonoma iniziativa, che il Consiglio Comunale su proposta del gruppo di Polesella Domani, aveva preso per sgravare di tasse locali le attività economiche costrette a chiudere nel lookdown del 2020; il “ritorno” è stato ben oltre la iniziale perdita di gettito, ed è un giusto riconoscimento per il virtuosismo di una operazione di giustizia fiscale.

Gli impieghi del contributo, ha quindi sottolineato il Sindaco Leonardo Raito, come preposti sono stati esaminati in sede di Commissione Consiliare Bilancio, senza che siano state apportate modifiche. Presa d’atto dell’introito e disposizioni di impiego sono stati approvati a maggioranza; la minoranza di Polesella Viva si è astenuta. Più dibattuta la questione dell’acquisto dell’immobile da destinare a sede della Polizia Locale associata. Il Sindaco Leonardo Raito – che riveste su incarico dei sindaci ex soci anche la qualità di Liquidatore dell’ex Unione dei Comuni dell’Eridano, che ha avuto la parola solo per illustrare in fatto in tale veste, senza partecipare per il resto alla riunione e alla votazione - ha evidenziato che la spesa preventivata per l’acquisto avrebbe comunque un rientro, in quanto nella Unione Eridano – la cui liquidazione si potrebbe con ciò chiudere -  il Comune di Polesella detiene una quota pari a circa il 50 per cento, così che in sede di riparto del ricavato dalla vendita ne riverberebbe poi in parziale disponibilità.

L’acquisto sarebbe destinato ad allocarvi la sede della Polizia Locale associata che avrebbe spazi più consoni alle necessità del servizio: nella forma associata ben 9 Comuni del Medio-Polesine fanno riferimento a Polesella per questa, che si è già segnalata anche a livello nazionale per un servizio di videosorveglianza e di sicurezza del territorio e per il livello di attività svolta.

Il Gruppo di minoranza Polesella Viva ha votato contro: a suo avviso anche i Comuni associati nella Polizia Locale dovrebbero partecipare alle spese di acquisto, altrimenti, ha detto il loro Capogruppo Ferrarese, sarebbe meglio dismettere il servizio a favore di altro Comune. Amaro il commento (fuori adunanza) del Capogruppo di maggioranza Modena: è la quantità e il livello del servizio di un ambito territoriale il più vasto possibile che trasforma un villaggio in una cittadina.

Articolo di Giovedì 2 Dicembre 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it