Condividi la notizia

EVENTI

Parole Chiave, ospite Fausto Vitaliano, vincitore del premio Nebbia gialla 2021

Fausto Vitaliano dialogherà con il vicesindaco Consuelo Pavani, l’appuntamento è venerdì 10 dicembre, alle 21, in sala Agostiniani a Polesella (Rovigo)

0
Succede a:

POLESELLA (Rovigo) - Dopo l'anteprima di ottobre e gli appuntamenti partecipati di novembre, Parole Chiave chiude il primo trimestre di attività con un autore, di rilevanza nazionale, in presenza. Venerdì 10 dicembre, alle 21, sarà ospite in sala Agostiniani a Polesella, lo scrittore Fausto Vitaliano, vincitore del premio Nebbia gialla 2021, con il romanzo La sabbia brucia (Bompiani). Fausto Vitaliano dialogherà con il vicesindaco Consuelo Pavani.

Per quanto riguarda il primo trimestre di programmazione, Parole Chiave ha portato a Polesella scrittori di interesse nazionale (Gianluca Morozzi, Paolo Roversi, Fausto Vitaliano, Nicoletta Canazza), oltre a scrittori emergenti (Luca Ferrari, Simone Colombo, Emanuele Tumminelli), garantendo inoltre continuità nelle proposte culturali grazie a collegamenti online con altri scrittori del calibro di Piernicola Silvis, Nadia Busato e Giulia Nebbia.

Parole Chiave si svolge con il patrocinio del Comune di Polesella e la collaborazione dell'associazione Soffitte in piazza.

Sinossi di La sabbia brucia. Gori Misticò è un carabiniere in prima linea. Lavora a Milano, è impegnato in una delicata operazione antiterrorismo. Ma improvvisamente qualcosa va storto, ed eccolo seduto nello scompartimento di un treno diretto in Calabria, con un biglietto di sola andata. Julia non è nemmeno venuta a salutarlo. Forse il commissario spera che tornare a San Telesforo Jonico, dove è cresciuto, significhi trascorrere le giornate leggendo Topolino in un ufficio deserto e pranzando in riva al mare. Ma dovrà imparare che per quanto tu fugga, i ricordi ti inseguono. Che più ti ostini a ignorarli, più i sintomi si fanno fastidiosi. E che la sabbia finissima della spiaggia del Pàparo, sotto il sole della Calabria, brucia più dell’alcol su una ferita. In queste pagine piene di humour e di umanità torna Gori Misticò, il carabiniere in lotta contro la malattia e la malinconia. Dovrà indagare su un’“ape regina” in cerca del fuco da amare e divorare ma soprattutto su sé stesso. Al commissariato di San Telesforo l’estate si annuncia rovente.

Articolo di Sabato 4 Dicembre 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it