Condividi la notizia

REPORTAGE DA CHERNOBYL

[FOTO] Desolazione immensa. Chernobyl giorno 2

I LUOGHI DELL'ABBANDONO Devis Vezzaro, presidente della omonima associazione, è ritornato a Chernobyl nell’area di alienazione, uno dei luoghi più abbandonati del mondo dopo il disastro atomico del 1986

0
Secondo appuntamento con Devis Vezzaro, presidente dell’associazione I luoghi dell’abbandono che è ritornato a Chernobyl per la quarta visita nell’area di alienazione, probabilmente uno dei luoghi più abbandonati, forzatamente, del mondo, dopo il disastro atomico del 1986.
Le immagini sono riferite alla giornata di domenica 27 gennaio, una giornata intensa vissuta nel più completo isolamento fino al ritorno in albergo nella notte. Per tutta la durata del viaggio troverete pubblicati in RovigoOggi.it, ogni giorno, alcune immagini delle giornate trascorse, così da raccontarvi come Vezzaro e la sua associazione intendono un “tour standard” ad un luogo abbandonato.


“Seven day in Chernobyl 2019” - Giorno 2

La giornata inizia salendo tre grattacieli di 18 piani per foto panoramiche mozzafiato, la desolazione è immensa.
Il piccolo gruppo si avventura alla ricerca di un negozio di pianoforti, rimasto “congelato” dallo sgombero delle oltre 330.000 persone che hanno abbandonato l’area dopo il disastro. Lì vicino abbiamo trovato anche un negozio di tv, lo scenario purtroppo è stato rovinato dai vandali.

Abbiamo fatto visita all’asilo, uno dei 15 della città, e siamo stati letteralmente travolti da emozioni che stringono il cuore. Bamboline e scarpette dei bambini ti fanno pensare alla morte di innocenti, con una indescrivibile tristezza.

Prosegue la visita, trovando anche un cadavere di cane, e dopo aver visto la distruzione nella biblioteca statale, passiamo al cantiere del reattore numero 5 la qui costruzione si è fermata dopo il disastro.

Prima di ritornare alla base, l’albergo Chernobyl in città, siamo passati per il porto dove ci sono molte navi collassate ma visitabili grazie allo spesso strato di ghiaccio che ricopre il fiume.
Per tutta la giornata la temperatura più alta è stata meno 18 gradi.
Devis Vezzaro

Guarda le immagini del Giorno 1

Il disastro di Černobyl' è stato il più grave incidente mai verificatosi in una centrale nucleare. È uno dei due incidenti classificati come catastrofici con il livello 7 e massimo della scala Ines dell'Iaea, insieme all'incidente avvenuto nella centrale di Fukushima Dai-ichi nel marzo 2011.

Il disastro avvenne il 26 aprile 1986 alle ore 1:23 circa, presso la centrale nucleare V.I. Lenin, situata in Ucraina settentrionale (all'epoca parte dell'URSS), a 3 km dalla città di Pryp"jat' e 18 km da quella di Černobyl', 16 km a sud del confine con la Bielorussia.
Articolo di Lunedì 28 Gennaio 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Rubriche

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it