Condividi la notizia

POLITICA ROVIGO

“Prima si fa il proprio dovere di opposizione e si manda a casa Bergamin, poi si pensa alla propria ambizione“

Nadia Romeo, capogruppo del Pd in consiglio comunale, replica all’attacco di Giorgia Businaro, della sua stessa lista e di Ivaldo Vernelli

0
Succede a:

ROVIGO - “Prima mandiamo a casa il sindaco e poi si dia spazio alla proprio ambizione”. Si rivolge così Nadia Romeo, capogruppo Pd in consiglio comunale, a Giorgia Businaro e Ivaldo Vernelli, colleghi di opposizione, che dopo aver firmato dal notaio per mandare a casa Bergamin (LEGGI ARTICOLO) se ne escono con “affermazioni che distraggono dall’attenzione numero uno: mandare a casa questo sindaco fallimentare!". 

“Il compito dell’opposizione è chiaro in questo caso - spiega Romeo - ed è mandare a casa il sindaco Bergamin che ha compromesso la città”. “Invece trovo che le affermazioni di Businaro e Vernelli, contro Virna Riccardi nel cda di Asm Spa, vogliano offrire il fianco e motivazioni a coloro che sono reticenti a fare ciò che va fatto”.

Romeo si riferisce a Paolo Avezzù che si è tirato fuori dalla maggioranza col suo gruppo Obiettivo Rovigo del quale però si sospetta sia in accordo con Businaro e Vernelli per una lista civica alle prossime elezioni comunali. “Elezioni che se avvenissero a maggio 2019 non lo troverebbe pronti” spiega Romeo.

“Questo è di una gravità assoluta e per me si devono solo vergognare perché aiutano il sindaco a rimanere dove è per ancora un anno”. “Non è il momento delle zizzania ora, al suo posto al sole Businaro deve pensarci solo dopo aver fatto ciò che va fatto”.

Articolo di Mercoledì 13 Febbraio 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it