Condividi la notizia

LAVORI PUBBLICI ADRIA (ROVIGO)

I locali stile Liberty del teatro torneranno al vecchio splendore

Il sindaco Omar Barbierato assieme all’assessore Marco Terrentin annuncia la nuova riqualificazione che coinvolgere le stanze del Circolo Unione e del Circolo del Cinema  

0
Succede a:

ADRIA (RO) - “Dopo il progetto preliminare realizzato con le energie interne, abbiamo approvato il progetto esecutivo redatto dall’ingegner Luca Milani, per la ristrutturazione dei locali annessi al teatro comunale, identificati come ex “circolo dell’unione” e “circolo del cinema”. Sono le parole dell’assessore ai lavori pubblici Marco Terrentin.

“Un’opera complessiva di riqualificazione che ci permetterà, di poter riportare al loro vecchio splendore parte dei locali dell’edificio pubblico, con lo scopo di renderli nuovamente fruibili alla cittadinanza”, commenta il primo cittadino della città etrusca.

“Parliamo di una costruzione, sviluppata su due piani, una con ingresso sul prospetto principale del teatro, tra la così detta Galleria degli Artisti ed il foyer del teatro, dove, al primo piano vi è la parte nobile della costruzione denominata Circolo Unione, la quale è costituita da ampi saloni di accoglienza e riunione, con decori alle pareti, lampadari artistici e finiture originali di pregio, mentre al piano superiore ci sono alcuni locali che, nel tempo, erano destinati prima a sale da gioco e, più recentemente, a Circolo del cinema”, spiega l’assessore Terrentin.

I lavori al primo piano interesseranno la revisione degli impianti elettrici, la manutenzione ordinaria delle parti  lignee e il rifacimento dei servizi igienici. Al piano secondo, oltre alla revisione e manutenzione dei serramenti interni sarà da adeguare l’impianto elettrico, levigatura del pavimento in parquet, rifacimento dei servizi igienici e tinteggiature. Tra i lavori sarà prevista anche la riqualificazione della terrazza.

Per realizzare gli interventi necessari che permetteranno di riportare al loro vecchio splendore i locali descritti, sono previsti 129mila euro:29mila euro saranno prelevati dalle casse comunali e 100mila euro, importo che il Comune ha richiesto alla Fondazione Cariparo.

Articolo di Sabato 16 Febbraio 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it