Condividi la notizia

ROVIGOFINANZA

Nei propri risparmi la qualità pesa, ecco la dimostrazione

Paolo Rimbano, consulente finanziario, fornisce le indicazioni per valutare la qualità del proprio portafoglio

0
Succede a:

Per leggere tutte le rubriche di Paolo Rimbano clicca qui  

ROVIGO - Se pensiamo alla scelte che facciamo ogni giorno possiamo concordare che uno dei fattori principali che ci influenza è la qualità. Acquistiamo prodotti con i vari marchi Dop, Doc, Igp perché attribuiamo loro un elevato livello qualitativo. Scegliamo le marche perché attribuiamo loro valori positivi di affidabilità, prestazioni, status. Ricerchiamo la qualità dappertutto, tranne che nelle scelte finanziarie.

Posso dirlo perché lo sperimento tutti i giorni parlando con le persone dei loro soldi. In pochi, se non pochissimi, pensano che la qualità sia fondamentale anche nella gestione del risparmio e, soprattutto, non hanno idea della qualità delle scelte che hanno fatto.

Per questo oggi voglio approfondire due punti fondamentali:

  • far capire perché la qualità è importante anche in finanza;
  • dare gli strumenti per capire la qualità delle soluzioni scelte.

La qualità nella gestione del risparmio non è tutto, ma è tanto. Soprattutto negli ultimi anni dove si ricorre sempre di più a fondi di investimento per diversificare il rischio e avere una prospettiva di rendimento in un mondo a tassi zero. Facciamo un esempio per chiarire.

Nel grafico che segue vediamo l’andamento di due fondi, che chiameremo Fondo A e Fondo B, dal 2011 ad oggi. Si tratta di due fondi bilanciati prudenti che investono in obbligazioni con un 25% massimo di azioni.

Come possiamo vedere il Fondo A (linea blu) ha portato il capitale iniziale di 10.000 euro a crescere sino a circa 16.000 euro. Più del mercato di riferimento, si parla di benchmark (linea rossa), che è cresciuto sino a 14.700 euro. Il Fondo B (linea verde) negli stessi 8 anni ha portato il capitale a scendere a  9.817 euro. Mi direte che i fondi A e B investono su mercati diversi. Invece investono sullo stesso mercato di riferimento. Allora perché ci sono risultati così diversi? Perché in un caso avrei avuto una buona crescita del capitale e nell’altro, in otto anni, avrei perso soldi? La risposta è: la qualità. Il Fondo A è stato gestito da ottimi gestori, che con ottimi strumenti hanno ottenuto risultati migliori rispetto al mercato. Il Fondo B è stato gestito da gestori e con strumenti di qualità nettamente inferiore, anzi di pessima qualità. Com’è possibile che il mercato cresca nel tempo e il fondo continui a perdere? Il fondo B è gestito male. Punto. E inoltre chi ha investito nel Fondo B ha rischiato esattamente come chi ha scelto il Fondo A, perché il mercato è lo stesso.

Una volta capito che la qualità è fondamentale per ottenere dei risultati, vediamo come potete in modo semplice valutare la qualità dei fondi che avete in portafoglio. Il criterio è semplicissimo perché è lo stesso che si applica nel settore alberghiero. Immagino che chiunque vorrebbe alloggiare in un hotel a 5 stelle piuttosto che in uno ad 1 stella sola. Bene, anche nel caso dei fondi di investimento si usano le stelle. Così, un fondo a 5 stelle sarà uno di quelli che meglio si comporta rispetto a quel mercato, e scendendo a 4, 3, 2 e 1 stella i risultati diventano sempre peggiori. Nell’esempio riportato sopra, il Fondo A è un fondo a 5 stelle, mentre il Fondo B ha una stella sola. L’istituzione che fornisce questa valutazione dei fondi è Morningstar. Sul sito www.morningstar.it potete ricercare i fondi che avete in portafoglio e vedere quante stelle hanno, basta inserire la descrizione del fondo, o meglio l’Isin che è il codice identificativo del fondo, nel campo di ricerca. Vi assicuro che ne scoprirete delle belle.

Facendo questo controllo soffermatevi anche su un altro fattore fondamentale, ossia quello dei costi, riportati sempre nella scheda Morningstar del fondo alla voce “Spese correnti”. Nell’esempio di prima, il Fondo A ha un costo annuo dell’1,61%, e nonostante questo batte il mercato, mentre il Fondo B ha un costo del 3,66% e anche per questo non batte il mercato e perde soldi. Spendereste per una camera in un hotel a 1 stella più del doppio del costo di una suite in un hotel di lusso a 5 stelle? Se avete in portafoglio il Fondo B, o un fondo di qualità simile, lo state facendo.

Controllate la qualità dei vostri fondi. E’ importante.

Paolo Rimbano

 

La rubrica "RovigoFinanza" pubblicata dal quotidiano RovigoOggi.it, curata dal dott. Paolo Rimbano è una rubrica di educazione finanziaria e NON è una rubrica di consulenza finanziaria. I contenuti pubblicati dal giornale potranno fare riferimento ad analisi e dati che provengono da fonti ritenute serie, attendibili e affidabili. Non si garantisce tuttavia in alcun modo che il contenuto del sito e dei report di analisi sia esatto, completo o affidabile. In particolare, le informazioni e le opinioni vengono fornite senza alcuna garanzia. Quanto contenuto nella rubrica NON rappresenta un consiglio di investimento e NON si garantisce pertanto che se ne possa fare affidamento per effettuare un investimento. L’eventuale utilizzo dei dati e delle informazioni come supporto di scelte di operazioni di investimento personale o altre decisioni è pertanto a completo rischio del lettore utente, che si assume in proprio le responsabilità derivanti da perdite o da ogni altro danno diretto o indiretto

Articolo di Domenica 17 Febbraio 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Rubriche

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it