Condividi la notizia

LENDINARA (ROVIGO)

Pomeriggio di studi nel 152° anniversario della visita di Giuseppe Garibaldi

L’attualità del pensiero federalista da Alberto Mario a Gianfranco Martini è stato il tema di una giornata importante grazie all’associazione "Amici di Garibaldi"

0
Succede a:

LENDINARA (RO) - In occasione del 152° anniversario della visita del generale Garibaldi alla Città di Lendinara (25 febbraio 1867), sabato 23 febbraio 2019, si è svolto un importante pomeriggio di studi intitolato "L’Italia, unità nella diversità: l’attualità del pensiero federalista da Alberto Mario a Gianfranco Martini".

L'iniziativa si è proposta di indagare la portata del pensiero federalista del grande patriota lendinarese Alberto Mario (1825 - 1883), collocata in una più ampia tradizione di riflessioni che, su vari versanti, è proseguita, seppur con alterne fortune, sino ai nostri giorni, percorrendo trasversalmente tutta la storia nazionale.

Al filone repubblicano e radicale, rappresentato da Mazzini e Cattaneo, è stata affiancata l’analisi del progetto di Antonio Rosmini (1797 - 1855), premessa al ruolo del mondo cattolico liberale che approderà, esattamente un secolo fa, il 18 gennaio 1919, allo sturziano “Appello ai liberi e forti”, atto di fondazione del Ppi, che vide tra gli attivi protagonisti il rodigino onorevole Umberto Merlin (1885 - 1964).

Il pensiero federalista troverà quindi nuova linfa, nel secondo dopoguerra, nell’ambito europeista, di cui fu esponente di assoluto rilievo Gianfranco Martini (1925 - 2012), primo cittadino di Lendinara dal 1951 al 1958 e segretario generale della sezione italiana dell’Associazione dei comuni e delle regioni d’Europa (Aiccre) dal 1970 al 1996.

I temi che provengono dal dibattito federalista durante e dopo la parabola risorgimentale, fino ai nostri giorni, diventano così, nelle intenzioni del pomeriggio di studi, motivo di stimolo e confronto qualificati tra studiosi, particolarmente necessari in quest’epoca, segnata, anche nel nostro territorio, da forti istanze autonomiste che stimolano e condizionano la vita politica, civile e sociale italiana ed europea.

Il pomeriggio di studi è stato organizzato dall’associazione "Amici di Garibaldi" assieme alla città di Lendinara, con il patrocinio di Regione del Veneto, Provincia di Rovigo, Istituto per la storia del Risorgimento italiano - Comitato di Rovigo, Associazione mazziniana italiana  - sezione di Padova e Rovigo “G. A. Vitali Norsa”,  Associazione nazionale cacciatori delle Alpi - Lendinara e Polesine", Centro internazionale di studi rosminiani di Stresa (Vb), Aiccre - Federazione veneta, Università popolare "Auser" di Lendinara, biblioteca comunale “Gaetano Baccari" Lendinara, Sbp Rovigo - Rete bibliotecaria polesana.

Dopo un momento commemorativo presso il cimitero comunale, sulle tombe di Alberto e Jessie White Mario e di Gianfranco Martini, dalle 15, in biblioteca comunale, si è svolto il pomeriggio di studi, con saluti di Luigi Viaro, Marco Chinaglia, Nicola Gasparetto, Antonio Laruccia in rapparesentanza del presidente della Provincia Ivan Dall'Ara, Luigi Contegiacomo, Albina Aurora Scala, Fabio Ortolan, Tiziano Fontan. 

Durante il pomeriggio interventi di Padre Umberto Muratore, Pier Luigi Bagatin, Giuseppe Gangemi, Giorgio ed Alfredo Martini e del presidente Gilberto Muraro di Fondazione Cariparo.

Articolo di Sabato 23 Febbraio 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it