Condividi la notizia

AMBIENTE CALTO (ROVIGO)

Dal sottopassaggio di Calto fuoriesce un liquido rossastro

Da Rifondazione comunista - zona Altopolesana arriva la segnalazione di strani sversamenti dalle pareti. “Speriamo in adeguate e chiare risposte dagli organi regionali, provinciali e comunali interessati”

0
Succede a:

CALTO (ROVIGO) - In questo periodo nel quale sono arrivate preoccupanti notizie circa lo stato dell’ambiente altopolesano, da Calto è giunta una segnalazione al Partito rifondazione comunista - zona Altopolesana in merito ad un liquido rossastro nel sottopassaggio che alla rotatoria sull’Eridania unisce Calto con la strada per Ceneselli

“Vi è un evidente stato di disagio per i cittadini di quella zona - fanno sapere dal Rifondazione - visto che ci sono sversamenti dalle pareti che destano per la loro quantità e qualità, alcune preoccupazioni. Non essendo esperti in modo tecnicamente approfondito, abbiamo fatto visita ai siti e francamente abbiamo constatato che  la segnalazione meritava attenzione”. 

Come si evince dalle foto, infatti, ci sarebbero forti perdite di liquido rossastro dalle pareti del sottopassaggio.  

Componenti ferrosi che rilasciano liquidi rossastri? Altro tipo di liquido proveniente da altri materiali? E quali sarebbero eventualmente questi altri materiali? - si domandano dal partito di sinistra - Se il pesante rilascio di sostanze, tale da impedire anche oltre il tratto ciclabile, già in parte bloccato da ostacoli di plastica (posizionati da qualche autorità?), il camminare nella zona pedonale, derivasse da perdite di consistenza delle parti metalliche ferrose, ci chiediamo: queste perdite possono segnalare o anticipare anche possibili e pericolosi cedimenti strutturali?”.

Senza spirito polemico dal partito fanno sapere che sia importante evitare certi prolungati disagi oltre eventuali e possibili pericoli per strutture e popolazione. “Anche in questo caso, sarebbe meglio prevenire che intervenire a posteriori. Pertanto speriamo in adeguate e chiare risposte dagli organi regionali, provinciali e comunali interessati. Questo non per nostra curiosità, ma per dare una trasparente informazione alla gente”.

Articolo di Giovedì 7 Marzo 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it