Condividi la notizia

ASSOCIAZIONI VOLONTARIATO

Rovigobanca dona un defibrillatore di ultima generazione a Blu Soccorso

L'ente di via Casalini 2 regala un dispositivo per salvare vite umane all'associazione onlus di Lusia fondata nel 2003

0
Succede a:

ROVIGO - Rovigobanca per la prima volta in campo per la donazione di dispositivi salvavita. Ha regalato all’associazione di volontariato onlus Blu Soccorso un defibrillatore di ultima generazione, una conferenza stampa nella mattinata del 12 marzo ha siglato il gesto, alla presenza del direttore dell’ente bancario Ruggero Lucin, di Ferdinando Pezzuolo, amministratore del cda, e del vicepresidente dell’associazione, il medico Alberto Rossi.

“Le banche si trovano in un momento storico in cui devono dimostrare non solo di operare sul territorio ma per il territorio” esordisce Lucin. 
“La condivisione è stata unanime quando il presidente ha presentato in cda la richiesta. E’ un intervento utile per il nostro territorio nell’essere presenti in maniera intensa, non solo dal punto di vista economico ma anche dal punto di vista sociale” spiega Pezzuolo. E’ il primo intervento di Rovigobanca in questo settore, “la nostra banca è presente nella varie attività di volontariato ed iniziative del territorio di carattere sportivo, culturale, sociale, come è nel dna della nostra banca - dice Pezzuolo -, ecco che l’allargarsi al campo sanitario è un passo importante”.

Rossi ricorda come l’associazione esista dal 2003 a Lusia, e come abbia aperto nel tempo una seconda sede a Rovigo. “Ringraziamo Rovigobanca per l’importante gesto, il defibrillatore sarà messo in dotazione nei nostri mezzi: un taxi sanitario e tre ambulanze”.

Blu soccorso trasporta malati e infermi, fa assistenza alle manifestazioni sportive, supporta l’Ulss in affiancamento sanitario e realizza corsi di primo soccorso e di soccorso secondo le richieste a norma di legge.“Il dispositivo ricevuto è indispensabile per il sostegno delle funzioni vitali nei casi di necessità. Il nostro personale non è professionista ma formato a dovere per mettere in pratica le giuste manovre per riattivare un cuore in caso di arresto cardiaco, cuore che senza il defibrillatore automatico come questo non potrebbe riprendere a battere”. “Una proficua collaborazione con RovigoBanca che spero continui”.

Articolo di Martedì 12 Marzo 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it