Condividi la notizia

POLITICA PARTITO DEMOCRATICO BADIA POLESINE (ROVIG

Il Pd badiese sorride dopo le primarie: “Ci stiamo riavvicinando alla gente”

Il segretario del circolo, Enrico Mercadante, analizza i risultati post primarie e ipotizza il ritorno della festa dell’Unità altopolesana non mancando di criticare l’amministrazione Giovanni Rossi

0
Succede a:

BADIA POLESINE (ROVIGO) - Senza rileggere nel dettaglio i numeri delle recenti primarie del Pd il giovane segretario del circolo di Badia Polesine, Enrico Mercadante, ha voluto ringraziare Stefano Dall’Aglio, gli scrutatori, il gruppo di lavoro che ha organizzato la consultazione e tutti coloro che hanno partecipato al voto che ha visto un ritorno d’interesse verso il partito con 257 votanti e un aumento di quasi il 40% rispetto a due anni fa.  

“E’ stata la vittoria della democrazia” ha commentato Enrico e se nel seggio locale è prevalsa, in controtendenza con l’andamento provinciale la mozione Martina, il segretario ha ripetuto quanto già espresso in sede precongressuale: “Tutti e tre i candidati erano degnissimi, ora è il momento di lavorare insieme per ricostruire il rapporto con la gente e rilanciare il partito”. 

A questo proposito, Mercadante si è detto fiducioso per il riavvicinarsi al partito di persone che si erano allontanate e che hanno chiesto di rinnovare la tessera. Se quelli nuovi sono ancora “mosche bianche”, già il ritorno di quelli storici rafforza la sua convinzione nella possibile ripresa del centrosinistra e del Pd in particolare. Un altro elemento importantissimo, secondo Enrico, è stato quello della partecipazione alla consultazione di persone di diverso orientamento politico che col loro voto hanno voluto ridare voce a un’opposizione democratica. Anche a Badia si lavora per contrastare la disaffezione alla politica soprattutto dei giovani e se per favorire la ripresa del Partito democratico sarà importante rilanciare la credibilità della classe dirigente, non meno importante per intercettare l’attenzione degli elettori sarà creare momenti di aggregazione che potrebbero essere rappresentati dal recupero delle feste di partito in cui la gente su ritrova, discute e, perché no, si diverte. 

“C’è tanta voglia di stare insieme e per questo già quest’anno proveremo a organizzare una festa dell’Unità altopolesana, che manca da tanti anni”.  Per quanto riguarda il risultato nazionale, Mercadante ritiene che siano state rispettate le previsioni e che Zingaretti sia una persona affidabile e preparata per le competenze acquisite come amministratore nel Lazio e che lavorerà per l’unità del partito. 

Il segretario si è detto invece pessimista sulla possibilità di qualche accordo con il Movimento 5 stelle che, in quest’anno di governo, si è rivelato un soggetto politico “molto ibrido” che raccoglie forse più fuoriusciti di destra che di sinistra,  “Penso che il Pd abbia poco da spartire con loro”. Sollecitato a commentare la politica locale, il segretario (che attualmente non ha alcun rappresentate consiglio comunale) non ha nascosto alcune criticità nelle relazioni col capogruppo di Adesso Badia, pur ribadendo l’impegno per ricucire un dialogo. Sulla maggioranza guidata da Giovanni Rossi, invece, Enrico è critico: “Stanno sostanzialmente vivendo di rendita e, al momento, concludono i progetti avviati da Fantato. I promessi cambiamenti ancora non si vedono, anzi, la lista delle promesse non mantenute aumenta”. 

Particolarmente duro è stato sull’inerzia che la maggioranza dimostra sui problemi della casa del Sorriso: “Sbraitare sui giornali è inutile, ma mi pare che si navighi alla Schettino, manca l’analisi degli errori fatti fino ad oggi e l’unica cosa che la maggioranza sa fare è di avvallare aumenti sanguinosi delle rette”. “Ci vorrebbe anche l’umiltà - ha concluso il segretario - di copiare da chi anche a pochi chilometri di distanza sa fare di meglio”. 

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Mercoledì 13 Marzo 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it