Condividi la notizia

#Frydaysforfuture ROVIGO

"Se non noi, chi?" Gli studenti si fermano per il pianeta malato

Centinaia e centinaia di giovanissimi nella mattinata con cartelli, slogan e impianto audio portatile a difesa dell’ambiente

0
Succede a:

ROVIGO - L’ambiente e la salute del pianeta ha messo d’accordo i giovani di tutta Italia nella mattinata del 15 marzo aderenti alla manifestazione “Fridays for Future”. Anche gli studenti di Rovigo sono scesi in corteo contro il riscaldamento globale. Si sono trovati in diverse centinaia in piazza alle 9 in piazza Matteotti, luogo dell’appuntamento. Con loro anche associazioni ambientaliste, esponenti politici e cittadini sensibili alla protezione del clima. Cartelli, slogan, cori e impianto audio portatile a difesa dell’ambiente.

“Abbiamo 11 anni per salvare il pianeta” fanno sapere. Il dito è puntato contro le polveri sottili che soffocano le città, contro i rifiuti e fanghi speciali dispersi su terreni o sepolti sotto le strade, come il caso delle recenti 8.500 tonnellate di rifiuti sparsi in Polesine, il dito è puntato contro l’uso di pesticidi in agricoltura intensiva, contro i Pfas che hanno inquinato le acque e le falde del nord veneto e messo a repentaglio la salute di 800mila persone.


Gli studenti sostengono che bisogna cambiare sistema: adottare un sistema della produzione del rifiuto ecosostenibile, che rispetti acqua, terra ed aria, oltre alla fauna. “Serve una politica di raccolta differenziata basata sulle 4R: riduzione, riuso, riciclo e recupero”. Grande preoccupazione anche per la temperatura in aumento rispetto al periodo pre-industriale. “Se superiamo di 1,5 gradi centigradi la temperatura si innescheranno meccanismi irreversibili di scioglimento dei ghiacciai con effetto incontrollati di alluvioni, inondazioni, tempeste, siccità, “per questo dobbiamo dimezzare le emissioni di C02 entro il 2030 e azzerarle per il 2050”.

Il corteo si è poi spostato lungo corso del Popolo, per l'occasione chiuso al traffico e in altre strade del centro storico. In diversi punti esponenti della Rete degli studenti e delle associazioni sono intervenuti per sostenere misure a tutela di ambiente, e contro le varie forme di inquinamento.

Articolo di Venerdì 15 Marzo 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it