Condividi la notizia

RUGBY ROVIGO

Il mediano di Dio e la santità della porta accanto

Presentato in Seminario il libro che racconta la storia di Nicola Perin scritta da Cristian Bonaldi

0
Succede a:

ROVIGO - “Scrutami Signore e mettimi alla prova, raffinami al fuoco il cuore e la mente”, è il 9 luglio del 2013 quando Nicola a 15 anni scopre di avere la leucemia. Un cammino difficile quello del 15 mediano di mischia della Rugby Monti Junior Rovigo, il numero 9 sulle spalle che tanto gli ha insegnato, lo ha messo davanti ad un prova quasi impossibile, affrontare una malattia che spesso non dà scampo.

Lo ha fatto con coraggio, spirito di sacrificio, altruismo, riscoprendo i valori della Fede. Un predestinato, spesso la volontà del Signore è incomprensibile, cruda, ma le parole spesso sono inutili, sono i gesti e i comportamenti che fanno grande un ragazzo diventato uomo troppo presto. Valori del rugby che lo hanno sicuramente aiutato, era lui a dare sostegno ai compagni durante la malattia. In punto di morte quando era ricoverato in Ospedale a Rovigo, quando le forze gli mancavano anche per i semplici gesti, ha chiesto a papà Roberto di aiutarlo a farsi il segno della croce. Un gesto di grande Fede nella sofferenza evidenziata dalla penna di Cristian Bonaldi che gli ha dedicato un libro: “il mediano di Dio”.

La vigilia di Natale del 2015 ha cambiato la prospettiva non solo della famiglia Perin, ma di tutto il mondo del rugby polesano (LEGGI ARTICOLO), venerdì 15 marzo presso il Seminario Diocesano di Rovigo in via Pascoli 53, la presentazione del volume.

“In lui ho trovato un uomo, perchè la malattia fa diventare uomini velocemente - le parole dell’autore Bonaldi - Nicola continua ancora a parlarci di una vita sana. Ha avuto tre grandi amori, i genitori che gli hanno dato un esempio di Fede e i nonni, il rugby e la pesca. Nicola è la tipica storia della Santità della porta accanto, una persona speciale e straordinaria”.

Pochi mesi fa Papa Francesco ha scritto una esortazione apostolica che parla della santità di tutti i giorni dei mamme e dei papà che crescono i loro vigili con fatica, dei sacerdoti che si spendono per tutti quelli che hanno bisogno, santità che non vediamo. 

La storia di Nicola è entrata a far parte della mostra, che la casa editrice San Paolo ha organizzato da agosto 2018 dal titolo “i Santi della porta accanto”, figure di giovani che hanno vissuto in modo straordinario la loro vita senza fare miracoli, ma scoprendo che nella loro vita c’è Dio. 

“Ho intuito subito che questo libro poteva dare un grande aiuto alla vita della nostra diocesi - il commento di Monsignor Pierantonio Pavanello, Vescovo di Adria e Rovigo - vorrei sottolineare come attraverso l’esperienza di Nicola noi possiamo avere uno sguardo diverso sui giovani, noi di solito vediamo i ragazzi come molto lontani dalla spiritualità, invece non è vero. Ho avuto tante prove, e questa è lampante. Mi auguro che questa testimonianza aiuti tutta la Chiesa”.

Seminario gremito per la presentazione del libro, c’era anche Elia Venco giocatore della Rugby Rovigo Delta (ma anche tifosi rossoblù e dirigenti di altre società polesane) che con la sua testimonianza ha aiutato l’autore nel ricostruire la personalità di Nicola, un cuore rossoblù spezzato che incoraggiava i compagni, pur soffrendo nella malattia. Il Coni di Rovigo da tre anni lo ricorda con un premio nella Festa Young, il delegato provinciale Lucio Taschin ha così voluto ricordare Nicola dando anche un segno di vicinanza a mamma Adriana e papà Roberto.

Una serata moderata da don Enrico Turcato che ha visto anche la presenza e la testimonianza, della famiglia Perin, di Fra Gianluigi Pasquale (professore nella Pontificia Università Lateranense, Stato della Città del Vaticano) padre spirituale di Nicola, Chiara Azzena (volontaria dell’Ospedale di Padova) che ha conosciuto Nicola, e  don Silvio Baccaro (parroco di Borsea dove Nicola viveva). La Fede come stella polare, una serata arricchita anche dalla musica e dalle parole di Andrea Tramacere che a Nicola ha dedicato una canzone: “Tutto sommato”.

Giorgio Achilli

 

 

Articolo di Sabato 16 Marzo 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it