Condividi la notizia

AMBIENTE POLESINE ROVIGO

Al tavolo ambientale trevigiano, San Bellino fa scuola. Ancora una volta

Il sindaco Aldo D’Achille ha esportato il progetto di forestazione urbana che verrà adottato anche da Verona per tentare di ridurre emissioni ed inquinamento

0

SAN BELLINO (ROVIGO) - “Non sei mai troppo piccolo per fare la differenza” ha detto nel dicembre scorso Greta Thunberg, l’attivista sedicenne nel discorso al vertice Cop24. Questo avviene anche per alcuni comuni del Veneto e tra questi c’è la piccola realtà polesana di San Bellino che è stata invitata giovedì 14 marzo al tavolo ambientale con i comuni capoluogo di provincia del Veneto, proprio alla vigilia del venerdì in cui tutti gli studenti del pianeta hanno manifestato nelle piazze per il clima.

Tutti gli assessori all’Ambiente e tecnici dei comuni capoluogo di provincia si sono incontrati nella sala degli Arazzi del comune di Treviso per decidere azioni concrete per ridurre le emissioni in atmosfera e combattere l’inquinamento ambientale: azioni condivise perché l’inquinamento dell’aria non segue i confini tracciati dai singoli comuni. La volontà dei comuni capoluogo è di arrivare al prossimo autunno con deroghe unitarie per l’Accordo padano, uguali per tutte le città ed è stata condivisa inoltre la creazione di un “Protocollo dell’aria”, che contenga i provvedimenti di tutti i comuni. 
 
Al tavolo per il Comune di Rovigo era presente la funzionaria per l’Ambiente, Barbara Likar che ha illustrato la situazione rodigina e ha evidenziato l’impatto delle emissioni da riscaldamento domestico. E’ stato invitato anche il sindaco di San Bellino, Aldo D’Achille che ha  proposto il progetto di forestazione urbana “Ridiamo il sorriso alla Pianura padana” creato in modo sperimentale con nove comuni della provincia di Padova, Rovigo e Vicenza e premiato a livello nazionale oltre che presentato a Bruxelles nel mese scorso. 
 
D’Achille ha illustrato il progetto lo scorso febbraio al comune di Verona che ha quasi 250.000 abitanti, più dell’intero Polesine e l’assessore all’Ambiente del comune di Verona, l’ingegner Segala, l’ha subito fatto proprio e ha coinvolto i tecnici degli uffici per adattarlo per una applicazione nelle grandi città considerando anche i balconi, tetti e pareti verticali. 
Al tavolo ambientale di Treviso ha confermato che Verona intende già iniziare a realizzarlo. Solo Verona donerà ai cittadini, che ne faranno richiesta, ben 250.000 essenze arboree cioè un numero pari complessivamente al numero degli abitanti. D’Achille afferma che nei piccoli comuni il progetto è stato testato ed è facilmente applicabile ma ha pensato di coinvolgere i grandi comuni perché fin da subito l’impatto positivo sull’ambiente potrebbe essere più veloce e determinante in quanto ogni realtà deve favorire la messa a dimora di un numero di piante in proprietà private pari al numero di abitanti di quel comune. 
 
La mattinata trevigiana ha aggiunto, è stata proficua con proposte concrete e a breve applicabili e si è conclusa con la visita a H-Farm, un luogo immerso nella natura trevigiana, in un ambiente strutturato come una campus digitale che aiuta i giovani a lanciare iniziative innovative. Un luogo in cui innovazione, imprenditoria e formazione convivono e si contaminano l’una con l’altra. 
Tutti, con le proprie capacità e possibilità, devono essere consapevoli che non c’è tempo da perdere perché il cambiamento climatico e l’inquinamento, in modo silenzioso ma inesorabile, stanno minando la salute degli abitanti dei nostri territori.

Il Comune di San Bellino non è nuovo a queste dimostrazioni d'attenzione
sulle tematiche ambientali, tanto che il 6 dicembre scorso è stato insignito del primo premio nazionale 100 mete d'Italia (LEGGI ARTICOLO) a Roma presso la sala Koch di Palazzo Madama, prestigiosa sede del Senato della Repubblica, nella categoria “valorizzazione e tutela ambientale per il miglioramento della qualità della vita dei cittadini”
Articolo di Sabato 16 Marzo 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it