Condividi la notizia

USURA ROVIGO

Rubens Pizzo resta agli arresti domiciliari

Rigettata la richiesta di revoca della misura cautelare, la difesa di Rubens Pizzo presenta immediato ricorso al tribunale del riesame

0
Succede a:

ROVIGO - Rubens Pizzo indagato ed arrestato dai Carabinieri con l’accusa di usura il 16 marzo scorso, resta agli arresti domiciliari (LEGGI ARTICOLO). Lo ha deciso il giudice per le indagini preliminari Silvia Varotto, la difesa sostenuta da Dania Pellegrinelli e Michele Brusaferro aveva puntato alla revoca della misura cautelare, ma il Pm Sabrina Duò si era opposta. 

Udienza che si è tenuta in Tribunale a Rovigo venerdì 22 marzo nel massimo riserbo, è durata poco meno di un’ora.

“Questa mattina Rubens Pizzo rispondendo a tutte le domande del giudice - spiega l’avvocato Brusaferro - riteneva di aver chiarito la sua estraneità ai fatti. L’imprenditrice bolognese, presunta persona offesa, che, si sottolinea, non ha mai denunciato Pizzo, era stata sentita dalla difesa in sede di indagini difensive il 17 marzo e aveva confermato i fatti così come Pizzo da subito aveva descritto. Successivamente, la presunta parte offesa veniva sentita dalla polizia giudiziaria. Di tale dichiarazione la difesa non ha ancora potuto prendere visione, in quanto depositata solo oggi contestualmente all’interrogatorio”.

L’accusa di usura si inquadra in un prestito di 60mila euro che Pizzo avrebbe fatto all’imprenditrice pretendendo la restituzione del denaro con un tasso del 200%. “Dal tenore dell’odierna ordinanza - commenta l’avvocato Brusaferro - la dichiarazione risulterebbe essere diversa da quella resa il 17 marzo e non coincidere neppure con l’imputazione provvisoria contestata a Pizzo. Inoltre, varie circostanze introdotte dal giudice nell’ordinanza di rigetto, risultano errate proprio alla luce dei documenti agli atti. Si rimane quindi in attesa della fissazione dell’udienza di riesame, che è già stato depositato dalla difesa in settimana, proprio perché si prevedeva che, in questa fase, l’originaria ordinanza cautelare sarebbe stata comunque confermata, come solitamente avviene”.

Articolo di Venerdì 22 Marzo 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it