Condividi la notizia

#elezioniROVIGO2019

L’esperienza di Conchi per cambiare Rovigo

Presentato il simbolo e la sede di “Cambia Rovigo - Conchi sindaco” che vuole correre da sola, ma che non chiude la porta in faccia a nessuno e che si dice pronta a dialogare con chi vuole sposare il cambiamento

0
Succede a:

ROVIGO - E’ stata inaugurata ufficialmente la sede del candidato della lista civica “Cambia Rovigo - Conchi sindaco”, nel vecchio ufficio dove Conchi aveva fondato il circolo di Forza Italia, in corso del Popolo, di fianco alle poste centrali. Assieme al luogo è stato reso noto anche il simbolo della lista civica alla presenza di molte persone, anche se non si sa ancora quanti entreranno nella (o nelle) lista. Quello che è stato il primo candidato ufficiale ha dichiarato di voler essere slegato da qualsiasi segreteria di partito, pur ospitando al proprio interno dei personaggi noti del panorama politico rodigino, provenienti in particolare da Forza Italia.

Con l’ex vicesindaco cacciato dall’ultimo primo cittadino del capoluogo, Simone Dolcetto, in “platea” anche Valter Roana, Alberto Zuolo, noti professionisti rodigini, qualche faccia nuova ed il coordinatore del distretto R03 della protezione civile che serve i comuni di Rovigo, Ceregnano, Villadose, San Martino di Venezze e Pettorazza Grimani, Donald Zancanaro.

“Nasciamo come lista civica e vogliamo essere una lista civica - ammette il candidato - abbiamo degli indirizzi generali del nostro programma che rientrano nell’ambito della democrazia liberale europea. Chi ritiene di appoggiarlo è benvenuto. Non abbiamo pregiudizi. Forse gli altri ce li hanno nei nostri confronti. Non sappiamo ancora chi c’è dall’altra parte ma per il momento noi ci siamo e cerchiamo di fare bene la nostra attività politica”. Per quanto riguarda, invece, chi si è trovato in Forza Italia (lo stesso Conchi è stato vicesindaco in quota al partito azzurro nell’amministrazione Bergamin), il candidato dice: “Ognuno è libero di far parte di qualsiasi partito che ritiene di sposare la sua idea politica. Questa è una corsa per il governo amministrativo di una città dove non è indispensabile fare delle scelte ideologiche per cui ci sta bene che all’interno ci siano persone esposte politicamente. Ma per la maggior parte sono persone provenienti dal mondo civile e che non hanno mai fatto politica. Per quanto riguarda Forza Italia, mi hanno buttato fuori. Non sono io che non mi riconosco in loro ma loro che non si riconoscono in me ”.

Uno dei dubbi, in questa campagna elettorale che fatica a partire, è quello inerente il possibile ballottaggio. Con chi si schiererà Conchi nell’eventualità? “Ne parleremo quando e se ci arriveremo. Saranno scelte che dovranno essere condivise coi candidati e faremo quella più opportuna. Sono comunque aperto ad ogni forma di dialogo. L’importante è che si parli di cambiamento anche con volti nuovi”. 

Articolo di Sabato 23 Marzo 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it