Condividi la notizia

RUGBY TOP12

Bersaglieri imbragati dalla nuova capolista

Il Calvisano passa al Battaglini e restituisce con gli interessi la sconfitta patita all’andata in terra bresciana. La FemiCz Rovigo ha perso 24-35 sbagliando molto e pagando l’indisciplina

0
Succede a:

ROVIGO - Con un secondo tempo impeccabile (18 a 7 il parziale) il Kawasaki Calvisano ha espugnato il Battaglini battendo una FemiCz Rovigo che deve recitare parecchi “mea culpa” per come sono andate le cose nel big-match della 19° giornata del Top 12. La squadra guidata dell'ex rossoblù Massimo Brunello ha disputato una partita giudiziosa giocando un rugby essenziale in attacco e affidandosi a un'ottima difesa che nei secondi quaranta minuti ha concesso poco o nulla ai padroni di casa. 

C'è da dire, però, che la FemiCz Rovigo ha dato una grossa mano ai bresciani rendendo più agevole il loro successo concedendo ben 18 punti dalla piazzola e un'eccessiva quantità di palloni persi. L'indisciplina dei rossoblù, soprattutto nei punti d'incontro, oltre a costare in termini di punteggio nel tabellone (non si possono concedere sette penalty piazzabili, con un solo errore di Pescetto, in un incontro così equilibrato!) ha pesato anche nelle percentuali di possesso con troppi ovali regalati all'avversario. La chiave del match, con un sostanziale equilibrio nelle fasi statiche, sta quasi tutta in queste considerazioni con il Kawasaki Calvisano che ha sbagliato poco e la FemiCz Rovigo che, invece, ha sbagliato di più. 

Leggi la cronaca di FemiCz Rovigo - Calvisano
Leggi le parole di Umberto Casellato
Leggi le interviste a Lucchin, Morelli e Mor
Leggi i commenti di Badocchi e Bibi Quaglio

La fotografia della partita è arrivata nel finale quando i rossoblù hanno tentato l'ultimo disperato assalto che avrebbe portato due preziosissimi punti, con la quarta meta e il bonus difensivo, limitando i danni di questa sconfitta casalinga. Dapprima c'è stato un pallone perso malamente dai rodigini nei “22” bresciani per poi finire con un inutile fallo di Momberg a gioco fermo con un penalty a favore della FemiCz Rovigo che ha costretto l'arbitro a invertire la sua decisione togliendo alla squadra di Casellato e Properzi un'interessante opportunità d'attacco. Uno dei tanti sprechi commessi dai rossoblù in questo confronto. Contro una difesa bene organizzata come quella bresciana la formazione polesana non è riuscita, se non a sprazzi, a esprimere il suo solito gioco basato sulla velocità e la circolazione di palla

In più una certa esasperata frenesia dei rossoblù ha causato parecchi errori di “handling” con troppi palloni lasciati su terreno. La mancanza del solito ritmo di gioco da parte dei rodigini ha favorito il Kawasaki Calvisano che ha potuto quasi sempre trovare il corretto ripiazzamento difensivo anche nelle poche azioni multifase imbastite dalla FemiCz Rovigo che in ogni caso è riuscita a segnare tre mete costruite con azioni di ottima impostazione. Tutto questo, però, non è servito ai rossoblù per evitare la brusca interruzione di una striscia di 12 vittorie consecutive. Pesano soprattutto i 35 punti subiti in casa (per trovare un'altra sconfitta al Battaglini con un punteggio dell'avversario più alto bisogna andare al 2005/06, Rovigo - Gran Parma 22-37), figli dell'indisciplina e di una difesa non proprio esente da critiche. 

I primi momenti della sfida hanno visto la FemiCz Rovigo subito brillante ed incisiva tanto che al 2' Antl è finito in meta, ma l'azione è stata vanificata da un passaggio in avanti tra Nibert e il centro argentino. La fiammata iniziale dei rossoblù, però, è rimasta fine a se stessa con il Kawasaki Calvisano a prendere in mano il controllo del match grazie a ottime percentuali di possesso. I primi frutti del solido gioco bresciano sono arrivati dalla piazzola al 7' e al 12' con Pescetto che ha punito due falli in ruck dei rossoblù. Per diversi minuti la squadra di casa non è riuscita a rompere le trame del Kawasaki Calvisano anche perchè ha concesso facili turn over, come i due restart sbagliati di Mantelli da centro campo. Finalmente al 20' la FemiCz Rovigo ha messo in mostra il suo gioco veloce risalendo quasi tutto il campo con diversi cambi di fronte. Per difendersi i bresciani sono stati costretti al fallo e Mantelli ha ridotto le distanze da facile posizione. La replica della squadra giallonera, però, è stata micidiale con un'iniziativa d'attacco sulla quale la difesa rodigina è parsa attendista tanto da facilitare l'avanzamento del Kawasaki Calvisano che sull'allargamento del gioco ha trovato un enorme varco con l'ex rossoblù Enrico Lucchin finito in meta sulla bandierina. 

La FemiCz Rovigo ha reagito da grande squadra trovando immediatamente la marcatura con Majstorovic che ha concluso sotto i pali bresciani una manovra ben orchestrata con diverse ripartenze, l'ultima delle quali ha visto Momberg servire il centro rossoblù. Poco prima della mezzora, però, un altro fallo dei padroni di casa ha permesso al Kawasaki Calvisano di allungare nel risultato con Pescetto che si è ripetuto anche al 34' punendo l'ennesima azione indisciplinata dei rossoblù nei punti d'incontro. Prima dell'intervallo la FemiCz Rovigo ha trovato la meta del momentaneo pareggio grazie a una bella iniziativa nata da un penalty giocato rapidamente e poi passata per un paio di raggruppamenti prima che l'ovale finisse nelle mani di Ferro che di forza ha varcato la linea. L'avvio di ripresa ha fatto subito capire che il Kawasaki Calvisano era intenzionato a dare battaglia e dopo poco più di sessanta secondi è andato a segnare con Martani che ha finalizzato un penetrante azione di avanzamento della squadra alla quale la difesa rodigina ha concesso troppo spazio

Nonostante i rossoblù continuassero a faticare nel trovare con continuità il loro abituale ritmo di gioco, al 15' è arrivato una nuova parità con la meta di Angelini imbeccato da un calcio-passaggio sulla bandierina di Mantelli, bravo poi nel realizzare la successiva trasformazione. Si è trattato, però, dell'ultimo acuto della FemiCz Rovigo che pian piano si è vista scivolare via dalle mani la gestione del match che con il passare dei minuti è finito sempre di più in quelle del Kawasaki Calvisano. Dapprima i bresciani hanno allungato con altri due piazzati di Pescetto e poi hanno dato il colpo di grazia alla partita con la meta di Garrido alla mezzora. Su un calcio di liberazione senza troppe pretese di Van Zyl un rimbalzo malandrino ha sorpreso Mantelli (comunque in ritardo) e ha favorito gli accorrenti gialloneri che hanno mosso rapidamente l'ovale all'esterno verso il centro argentino. Il consistente vantaggio e il controllo del gioco dei bresciani (a parte la meta nella ripresa la FemiCz Rovigo non è mai stata realmente pericolosa) hanno dato l'impressione di un match ormai segnato. I rossoblù potevano ancora aggrapparsi alla possibilità di segnare la quarta meta che avrebbe consentito ai rossoblù, pur perdendo, di restare staccati dai bresciani di un solo punto in classifica, ma tutto è stato vanificato nell'azione finale. 

La leadership della regular season sembra ormai essere del Kawasaki Calvisano che ha, però, un ostacolo da superare: la trasferta a Reggio Emilia nell'ultima giornata. Per riprendersi la prima posizione la FemiCz Rovigo può solo sperare in un passo falso dei lombardi. Intanto tra una settimana rossoblù e gialloneri si ritroveranno ancora di fronte per la gara di andata dello spareggio per l'accesso alla Challenge Cup. Come sarà l'umore delle formazioni dopo questi 80 minuti del Battaglini? Dalla risposta a questa domanda dipenderà gran parte dell'esito dell'ennesima sfida tra le due squadre.

Roberto Roversi

Rovigo, Stadio “Mario Battaglini" – Sabato 23.03.2019

TOP12, XIX GIORNATA
FEMI-CZ Rovigo v Kawasaki Robot Calvisano 24-35 (17-17)

Marcatori: p.t. 7’ c.p. Pescetto (0-3), 11’ c.p. Pescetto (0-6), 22’ c.p. Mantelli (3-6), 23’ m. Lucchin  (3-11), 26’ m. Majstorovic tr. Mantelli (10-11), 28’ c.p. Pescetto (10-14), 34’ c.p. Pescetto (10-17), 40’ m. Ferro tr. Mantelli (17-17); s.t. 41’ m. Martani tr. Pescetto (17-24), 55’ m. Angelini tr. Mantelli (24-24), 59’ c.p. Pescetto (24-27), 66’ c.p. Pescetto (24-30), 69’ m. Panceyra-Garrido  (24-35)

FEMI-CZ Rovigo: Cioffi; Barion (60’ Piva), Majstorovic, Antl, Angelini; Mantelli, Chillon; Halvorsen (74’ Mantovani), Lubian, Vian; Canali (12’ Ferro), Nibert (57’ Cicchinelli); D’Amico (57’ Pavesi), Momberg (cap.), Brugnara (72’ Vecchini).
All. Casellato, Properzi

Kawasaki Robot Calvisano: Chiesa (cap.) (57’ Balocchi); Van Zyl, Panceyra-Garrido, Lucchin (70’ Bordoli), De Santis; Pescetto, Casilio (63’ Semenzato); Vunisa, Casolari (57’ Zdrilich), Martani; Van Vuren (54’ Cavalieri), Andreotti; Leso (72’ Gavrilita), Morelli (48’ Manfredi), Fischetti (72’ Brarda).
All. Brunello

Arb. Marius Mitrea (Udine)

AA1: Matteo Liperini (Livorno) AA2: Stefano Pennè (Milano)

Quarto uomo: Massimo Brescacin (Treviso)
Cartellini: 86’ giallo a Ferro (FEMI-CZ Rovigo)
Calciatori: Mantelli (FEMI-CZ Rovigo) 4/4; Pescetto (Kawasaki Robot Calvisano) 7/10
Note: giornata mite e soleggiata, con circa 23 gradi e vento assente, terreno in buone condizioni. Presenti 2500 spettatori.
Punti conquistati in classifica: FEMI-CZ Rovigo 0; Kawasaki Robot Calvisano 4
Man of the Match: Fischetti (Kawasaki Robot Calvisano)

Questi tutti i risultati della 19/a giornata:
FEMI-CZ Rovigo v Kawasaki Robot Calvisano 24-35 (0-4)
S.S. Lazio Rugby 1927 v Valorugby Emilia 27-36 (1-5)
Argos Petrarca Rugby v Mogliano Rubgy 1969 58-0 (5-0)
Verona Rugby v Fiamme Oro Rugby 26-29 (1-5)
Rugby Viadana 1970 v Valsugana Rugby Padova 41-26 (5-1)
Lafert San Donà v Toscana Aeroporti I Medicei 38-12 (5-0)

Questa la classifica dopo 19 giornate di campionato:
Kawasaki Robot Calvisano 76 punti; FEMI-CZ Rovigo 73;
Valorugby Emilia 72; Argos Petrarca Rugby 69; Fiamme Oro Rugby 58; Toscana Aeroporti I Medicei 44; Rugby Viadana 1970 40; Lafert San Donà 40; Mogliano Rugby 1969 36; Verona Rugby 24; Valsugana Rugby Padova 20; S.S. Lazio Rugby 1927* 15. *4 punti di penalizzazione

Prossimo turno
sabato, 06 aprile 2019
FEMI-CZ Rovigo - Rugby Viadana 1970  
Valsugana Rugby Padova - Verona Rugby  
Fiamme Oro Rugby - afert San Donà  
Toscana Aeroporti I Medicei - S.S. Lazio R. 1927  
domenica, 07 aprile 2019
Valorugby Emilia - Argos Petrarca Rugby  
Kawasaki Robot Calvisano - Mogliano Rugby 1969  

 

 

Articolo di Sabato 23 Marzo 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it