Condividi la notizia

ONORIFICENZA BERGANTINO

Decorato il luogotenente Mauro Tenani

Il sindaco di Legnago Clara Scapin ha fatto recapitare l’onorificenza anche al militare che risiede a Bergantino, comandante del Nucleo investigativo di Vicenza

0
Succede a:
BERGANTINO (ROVIGO) - Martedì 19 marzo il sindaco di Legnago (Vr), Clara Scapin, ha fatto recapitare a quattro componenti del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia carabinieri di Legnago che si sono particolarmente distinti,  un attestato di encomio per il lavoro che, con tenacia, professionalità e dedizione i militari interessati e nella generalità tutti gli appartenenti a quell’Arma, portano avanti per garantire la legalità e la sicurezza del territorio e di tutti i cittadini. Tra loro c’era anche il luogotenente Mauro Tenani di Bergantino.

Il primo cittadino di Legnago, sentita in merito, ha espresso soddisfazione e riconoscenza a tutti i carabinieri che operano materialmente sul territorio per le operazioni di polizia giudiziaria intraprese e portate a termine, in particolare in quest’ultimo periodo, facendo espressamente riferimento all’arresto, l’11 ottobre 2018 del magrebino Karouach Anouar che, dopo avere rapinato un mezzo per il recupero dell’immondizia aveva seminato il panico per le vie cittadine, danneggiando vari autoveicoli in sosta e terminando intenzionalmente la sua corsa contro un’auto dei carabinieri che tentavano di bloccarlo.

L’altra impresa di cui si fa menzione è l’arresto di tre magrebini trovati in possesso di circa 80 chili di hashish destinati alla vendita in questo ed altri territori del Nord Italia tra cui la limitrofa provincia di Rovigo, avvenuto il 1° marzo di quest’anno, al quale ha partecipato un altro polesano: il brigadiere capo Marco Chinaglia di Badia Polesine.  
Tra gli altri in precedenza tratti in arresto, 5 tra magrebini e rumeni, responsabili di circa 30 rapine in abitazioni, commesse nelle province di Verona, Mantova, Padova e Rovigo tra il 2017 ed i primi mesi del 2019, operazione questa che l’Arma scaligera aveva portato a termine nelle ultime fasi con gli uomini del maggiore De Cesare comandante il Nucleo investigativo del Comando provinciale di Rovigo e con la Compagnia carabinieri di Castelmassa del capitano Penzo per finire con l’arresto di 12 soggetti italiani responsabili a vario titolo del riciclaggio di una considerevole somma di denaro ammontante a circa 76 milioni di euro.
Tra i 4 destinatari delle attestazioni di encomio vi è il luogotenente maresciallo capo maggiore carica speciale, Mauro Tenani, 56enne originario di Rovigo, città che ha lasciato al termine degli studi superiori all’età di 18 anni per arruolarsi nell’Arma ed attualmente residente a Bergantino. Tenani, proveniente dal Nucleo investigativo di Vicenza ove ha militato per oltre 20 anni, intervallati da varie missioni all’estero,  è comandante del citato Nucleo da circa 6 anni .
Ugo Mariano Brasioli
Articolo di Sabato 23 Marzo 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it