Condividi la notizia

ATLETICA ROVIGO

Un inizio di primavera ricco di riconoscimenti 

Bronzo ai mondiali master per Rudy Magagnoli e riconoscimento alla carriera per l’allenatore della Discobolo Rovigo, Vito Quaranta

0
Succede a:

BORGORICCO (PD) - Sabato 23 marzo, a Borgoricco, in occasione della Festa dell'Atletica Veneta, tradizionale appuntamento che chiude la stagione invernale e apre quella estiva, sono stati assegnati i premi per tutti gli atleti, i tecnici, i dirigenti e le società, che si sono distinti, ciascuno nel proprio campo, durante l'annata 2018.

Il premio di atleta veneta dell'anno è andato alla saltatrice in alto Elena Vallortigara ma anche la Discobolo ha visto riconosciuto il valore dei propri atleti e tecnici, con ben tre premiati nel corso della manifestazione.

Il primo a salire sul palco, per ricevere il meritato riconoscimento, è stato l'allenatore Vito Quaranta, che si è visto assegnare il premio alla carriera, e nessuno più di lui poteva meritarlo, visto il numero di atleti che, nel corso di quarant'anni anni dedicati con passione e competenza all'atletica, sono stati da lui formati e portati a risultati di eccellenza.

Del resto, e non può essere un caso, suoi atleti sono anche gli altri due premiati della Discobolo, i cadetti Andrei Neagu e Taré Bergamo, capaci di vincere titolo regionale e italiano, rispettivamente, nei mentri 1.000 e nel lancio del disco, che proprio per questi titoli sono stati chiamati a loro volta sul palco, avendo contribuito con questi successi all'ottimo risultato del Veneto ai campionati italiani di Rieti del 2018. Basti pensare che, su cinque cadetti veneti che si sono laureati campioni italiani, due sono della Discobolo.

Passando dal palco delle premiazioni alla terra e all'erba, a far festa per i colori biancazzurri ha contribuito, poi, il mezzofondista Rudy Magagnoli, atleta della categoria Master M40 che, ai mondiali master di Torun in Polonia, ha conquistato una splendida medaglia di bronzo nella prova di cross (cui va aggiunto l'argento nella classifica a squadre).

Una grande soddisfazione per questo atleta, già campione italiano master sui 10.000 metri in pista, e altrettanta gioia per la Discobolo che mostra di spaziare dagli atleti più giovani a quelli più navigati, rimanendo sempre ad altissimo livello.

Articolo di Venerdì 29 Marzo 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it