Condividi la notizia

#elezioniROVIGO2019

[VIDEO] La Lega volta pagina con la "caposquadra" Monica Gambardella

Presentata la candidata di svolta e taglio netto col passato. Il segretario Gianantonio Da Re spiana i dubbi: “Bergamin? Fuori da Rovigo lui, fuori dalla Lega chi ha firmato le dimissioni”

0
Succede a:
ROVIGO - Si volta pagina. E’ questo il messaggio chiaro, limpido e cristallino che ha voluto lanciare la Lega e in primis il segretario nazionale Gianantonio Da Re nel corso della presentazione ufficiale della candidata sindaco del comune di Rovigo, Monica Gambardella.

La dipendente della Regione Veneto si è presentata davanti ad una platea di una cinquantina di persone. "Sono un architetto, mi occupo di protezione civile da 22 anni in ambito regionale e qui, un po’ alla volta, ho imparato ad ascoltare le persone, valutando le situazioni e le problematiche, per trovare una soluzione facendo squadra con associazioni e comuni”. Anche qui una sottolineatura che evidenzia una cesura rispetto al modus operandi precedente impostato su di un presunto autoritarismo che ha prodotto divisioni. “So che ci sono dei problemi da risolvere, ma lo faremo insieme - ha proseguito la candidata Gambardella - perché un passo dopo l’altro le soluzioni si trovano”.


Sembra quindi essere stata la capacità di Gambardella all'ascolto ed alla risoluzione delle problematiche l'aspetto di lei che ha convinto la Lega a candidarla a primo cittadino del capoluogo. "La competenza amministrativa e gestionale maturata da Monica - afferma Cristiano Corazzari - sarà la marcia in più per la città di Rovigo, sommata alla sua grande dote che è quella organizzativa nella risoluzione dei problemi, anche in condizione di emergenza".

“Abbiamo dovuto fare delle scelte che sono state difficili - ha detto il segretario Toni Da Re riferendosi al grande assente, ovvero l’ex sindaco Massimo Bergamin di cui non si hanno più notizie - Chi al nostro interno ha operato per mandare a casa il sindaco, cosa che non si fa mai perché il sindaco viene giudicato al termine del suo mandato, è stato espulso o comunque ha un provvedimento disciplinare molto importante. E, siccome l’atto del contendere sono stati da una parte Bergamin e dall’altra i nostri, abbiamo pensato di girare pagina. L’ex sindaco è sicuramente un personaggio importante della Lega, sarà impiegato in altri frangenti. Non in questa fase”, ovvero non a Rovigo.

A sostenere la candidatura di Gambardella a sindaco, la lista civica Monica Gambardella sindaco, la lista Lega, Forza Rovigo, Obiettivo Rovigo e Fratelli d'Italia.
A portare il saluto allo stato maggiore della Lega alla presentazione c’erano anche Cristiano Corazzari, assessore in Regione Veneto, e probabilmente candidato consigliere nella lista Lega, la deputata badiese Antonietta Giacometti e i due ex consiglieri comunali, Riccardo Ruggero e Michele Aretusini, Bartolomeo Amidei per Fratelli d’Italia.

E Forza Italia? Esponenti del partito azzurro non se ne sono visti. Da Re resta possibilista: “I rapporti sono molto buoni. Dobbiamo trovare anche a Rovigo la soluzione, ci lavoreremo. Era importante trovare un candidato - una candidata in questo caso - che non fosse di questo o quel partito. Abbiamo voluto scegliere una persona che non solo potesse convogliare le forze politiche ma anche la società civile che l’ha conosciuta e apprezzata per quello che ha fatto”. Sul coordinatore provinciale di Forza Italia, Piergiorgio Cortellazzo, Da Re taglia corto: “C’è un problema di percorso che cercheremo di appianare da qua a prima della presentazione delle liste”. 
Articolo di Sabato 30 Marzo 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it