Condividi la notizia

MUSICA BADIA POLESINE

[VIDEO] Due giorni memorabili per le selezioni del premio Mia Martini

La lendinarese Giorgia Turcato, con Notturno di Mia Martini, è riuscita a emozionare il commissario “investigatore di talenti” Saverio Gerardi al teatro Balzan di Badia Polesine

0
Succede a:
BADIA POLESINE (RO) – Al termine delle due giornate previste (LEGGI ARTICOLO) per le selezioni al teatro Balzan della 25esima edizione del concorso canoro “Mia Martini”, il sindaco Giovanni Rossi, l’assessore Stefano Baldo e i Giurati han fatto il punto di questa esperienza.

Il Sindaco, dopo aver ringraziato Giulia Battista che si è prodigata per la realizzazione, ha voluto sottolineare come l’amministrazione abbia messo a disposizione “il gioiello di famiglia”, ovvero la piccola Fenice, il teatro cittadino. Una location ritenuta unanimemente dagli organizzatori come “il posto più bello dove abbiamo fatto le selezioni”.

Al contest, svoltosi per la prima volta a Badia Polesine, hanno partecipato 30 candidati di tutte le età, dal bimbo di sette anni all’adulto over 40, alcuni distintisi per le doti vocali innate, altri per la pertinace volontà di emergere in un mondo più complicato di quanto si creda. A parere del componente della giuria Giovanni Saretto, nel casting si sono distinti la friulana Luana Del Sol e Stefano Spedo “una delle voci più promettenti”, mentre la lendinarese Giorgia Turcato, con Notturno di Mia Martini, è riuscita a emozionare il commissario “investigatore di talenti” Saverio Gerardi.

Michelangelo Marcheselli, amministratore delegato della storica emittente “Radiomia” (in onda dal 1977 in MF), presidente della giuria, ha magnificato l’acustica del teatro Balzan particolarmente apprezzata nell’esibizione a cappella di Stefano Spedo. Michelangelo ha poi definito la tappa della selezione badiese un successo: “Penso – ha dichiarato - che per Badia questa possa essere una cassa di risonanza, che favoriremo con un lungometraggio sulla bella città, presto postato in rete”.

Fra gli ospiti, Sergio Cremonese autore dell’inno del carnevale di Verona (collaboratore di Bobby Solo del quale ha registrato in versione mambo “Birichina monella”) si è esibito in una superlativa interpretazione di  “Una miniera” dei New Trolls.


Alla domanda se di questo mestiere si vive Sergio ha risposto: “Si, se sei cantautore, perché questo è ancora l’unico settore che vende, purché si declinino i brani in ballabili 4/4”. L’assessore Stefano Baldo, che ha presidiato il teatro nelle due giornate, ha espresso la propria  soddisfazione per questa esperienza, definendola “Una vetrina utile per promuovere l’immagine di Badia”.

Hanno superato il casting: Gabriella Carazzato, Matteo Baccaro, Monica Cabassa, Laura Monti, Alex Menegazzi, Luana Del Sol, Debora Franceschetti, Giorgia Grigolo, Alessia Ippolito, Alice Hu, Stefania de Marchi, Ilari Marcianò, Chiara Rampazzo, Chiara Santato, Stefano Sorodoc, Aurora Petrafesta, Stefano Spedo, Giorgia Turcato.



La due giorni al Balzan ha concluso le selezioni preliminari italiane che danno l’accesso, come ha precisato la conduttrice giurata Cinzia Tattini, alla tre giorni di Scalea a fine aprile, dove una giuria presieduta da Franco Fasano selezionerà i 24 nominativi ammessi alle finali per categoria: “Nuove proposte”, “Etno song” e “Una voce per Mimì”. In ogni caso, quelli che hanno superato la prova di Badia, potranno partecipare a uno stage di canto a Roma offerto gratuitamente dal produttore discografico Saverio Gerardi, che segnalerà i migliori ai talent show e alle case discografiche.

Foggiano, apprezzato batterista jazz già collaboratore di Giancarlo Bigazzi, Gerardi si è esibito con una brillante performance live concludendo, fra l’ovazione dei presenti, la due giorni canora badiese.
Ugo Mariano Brasioli


 
Articolo di Domenica 31 Marzo 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it