Condividi la notizia

GAMBLING E DECRETO DIGNITA'

Il gioco online e scommesse nel 2019

L’attuazione del Decreto Dignità limita e vieta la pubblicità agli operatori di scommesse sportive e giochi d’azzardo. Non significa necessariamente un calo nella domanda di questi servizi

0
Come già preannunciato, questo 2019 sarà un anno di cambiamenti per il settore del gioco online in Italia. In particolare con l’attuazione del Decreto Dignità che limita e vieta la pubblicità agli operatori di scommesse sportive e giochi d’azzardo. Questo chiaramente non significa necessaria un calo nella domanda di questi servizi. Fino a questo momento gli effetti non si sono ancora visti, specialmente per via del fatto che il divieto sulla pubblicità al gioco, ha beneficiato di una proroga per tutti i contratti che sono stati stipulati prima dello scorso luglio 2018, e che potranno arrivare alla conclusione, entro e non oltre il prossimo 14 luglio 2019. Si tratta di una misura eccezionale e provvisoria, che solo in parte assicura ai contratti vigenti tra le società di gambling e il mondo della pubblicità di arrivare a fine corsa, ma qualcosa cambierà già da subito.

Ci sono poi da svelare gli altri punti contenuti all’interno del
Decreto Dignità, che riguardano invece il settore del gioco di tipo fisico, in particolare le sale slot, che sono presenti in tutti i comuni d’Italia, e che dovranno adeguarsi alle norme contenute nel Decreto. Si era già parlato di un ammodernamento per il comparto delle macchinette di tipo AWP e VLT, le quali dovranno ora essere provviste anche di fessura per introdurre la tessera sanitaria, come oggi avviene già per i tabacchi. Questo provvedimento è stato realizzato al fine di garantire che il gioco sarà esclusivamente praticato da utenti maggiorenni. Il gioco e le scommesse sportive sono comunque un passatempo che fa parte della nostra cultura, è importante chiarire i rischi ma nello stesso tempo ci sono le libertà costituzionali degli individui che devono essere garantite, tra l’altro se scommetti sullo sport nei siti specializzati di scommesse sportive è possibile trovare delle quote molto favorevoli, inoltre si possono fare comparazioni tra le varie offerte dei diversi operatori, in poche parole si favorisce la competitività e quindi migliora il servizio a disposizione del consumatore.


 Nel 2018 il dato complessivo per il gioco, digitale e non, ha mostrato una crescita sostanziale, che ha raggiunto la cifra record di oltre 102 miliardi di euro, come spesa. Un dato che si aggiunge a quello già visto nell’ultimo biennio. I produttori di gioco hanno però affermato che gli effetti del Decreto Dignità potrebbero colpire i siti di casinò online legale, andando ad arricchire i siti che non sono in regole e non fanno capo e riferimento all’ente autonomo AAMS. Bisogna fare quindi molta attenzione e chiarezza, sugli effetti che ci saranno e su cosa questo comporterà per il settore del gambling in Italia, soprattutto quello online che garantisce al consumatore finale più scelta, maggiore controllo e chiarezza ed offerte decisamente competitive.
Articolo di Venerdì 5 Aprile 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Rubriche

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it