Condividi la notizia

#elezioniGAIBA2019

Nicola Zanca si candida a Gaiba

Uniti per il cambiamento è il nome della lista civica del consigliere di minoranza che ambisce a diventare sindaco

0
Succede a:

GAIBA (RO) - Nicola Zanca è il candidato sindaco della lista civica Uniti per il cambiamento di Gaiba per le prossime amministrative di Gaiba.

La lista è composta da persone di Gaiba di differenti ispirazioni politiche e con varie professionalità, “mosse da senso civico e dalla volontà di trasformare positivamente il Comune di Gaiba, con il desiderio di coinvolgere i cittadini nel processo di rinnovamento del paese” si legge nel comunicato di presentazione del candidato.

Trentaquattro anni di Gaiba e una laurea in chimica all’università di Ferrara, Nicola Zanca ha lavorato nell’area Cnr di Bologna prima all’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima, conseguendo il dottorato all’università di Bologna e poi a Proambiente su innovazione e trasferimento tecnologico. Attualmente svolge un progetto di ricerca all’università di Helsinki, dove alterna gli studi sulle tecnologie per la qualità dell'aria all’insegnamento.

Nicola Zanca è stato consigliere di minoranza della lista “Insieme si può” fino a marzo 2018, prima di trasferirsi temporaneamente in Finlandia e in questo ruolo ha condotto interventi per influenzare positivamente la gestione del paese, ad esempio sul decoro urbano, la scuola, i servizi, la biblioteca-museo, lo sport.

La lista civica Uniti per il cambiamento di Gaiba ha l’obiettivo di rigenerare il paese di Gaiba con alcuni obiettivi prioritari: “Superare l’inerzia sul fronte organizzativo e dei rapporti con gli altri enti del Polesine; assicurare il sostegno ad assumere iniziative a favore dei cittadini anziani e con disabilità, garantire e promuovere i plessi scolastici del paese con la scuola primaria e dell’infanzia con un servizio di qualità; migliorare il decoro urbano con una cura puntuale e valorizzazione del verde piuttosto trascurato negli ultimi anni; sostenere fattivamente le manifestazioni delle associazioni di volontariato presenti a Gaiba; incentivare le attività artigiane e produttive presenti, promuovendo le nuove iniziative imprenditoriali per stimolare la creazione di nuovi posti di lavoro; rilanciare l’identità della comunità di Gaiba attraverso iniziative e una promozione della cittadinanza attiva”.

Nicola Zanca spiega: “La mia passione per Gaiba è maturata nel tempo. Dalle attività con la parrocchia con i campi estivi, alla guida del Comitato biblioteca per 5 anni con eventi di indirizzo culturale e nel sociale, passando alle manifestazioni del Tennis club Gaiba e all’attività di consigliere di minoranza fino alla primavera scorsa. Le esperienze a livello europeo di questi anni mi hanno entusiasmato con il desiderio di trasferire a Gaiba una serie di progetti ed opportunità, dove vorrei tornare con le prossime amministrative. Credo che Gaiba abbia un grande potenziale ancora inespresso, dato dalla ricchezza del suo territorio ma soprattutto dai talenti dei suoi abitanti. Queste capacità sono una risorsa se gestite con una cura delle relazioni, che in un paese piccolo come Gaiba risulta fondamentale ed una leadership positiva della politica. La politica, ancor più quella locale, deve essere strumento per promuovere la circolazione di queste energie positive, con un’amministrazione sensibile alle esigenze dei cittadini. Una politica locale per unire e non utilizzata per dividere”.

Secondo Zanca lo stato di difficoltà oggettiva del paese e la riduzione di servizi e opportunità degli ultimi anni, hanno causato un’emorragia di residenti che abbandonano Gaiba. “Per chi rimane in paese c’è stato sia un deprezzamento sensibile del valore della propria casa, che l’aumento di case sfitte. E’ tempo di invertire la rotta e dare di nuovo slancio al paese. Alcune iniziative pur lodevoli delle precedenti amministrazioni non sono state condotte a fondo e in modo costante. Ad esempio la gestione frammentaria e sostanzialmente priva di un piano operativo della nuova biblioteca-museo ne ha ridotto necessariamente gli effetti positivi, pur gravando il comune di un mutuo rilevante”.

Per il candidato “Gaiba deve tornare ad essere un paese dove si percepisce un benessere diffuso e voglia di partecipazione alla vita comunitaria. La passione di una amministrazione competente farà la differenza. Abbiamo formato una squadra motivata che contempla diverse professionalità ed esperienze: vogliamo essere di servizio alla comunità e cambiare in meglio Gaiba, in un processo di rinnovamento che veda i suoi cittadini coinvolti. La nostra passione per Gaiba sarà contagiosa per il suo rilancio”.

Articolo di Venerdì 5 Aprile 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it