Condividi la notizia

VERONA

Il circolo La Bussola non si è voluto perdere l’evento storico

Lendinara presente al Congresso Mondiale per la Famiglia con il circolo culturale 

0
Succede a:

VERONA - Una rappresentanza del circolo culturale la Bussola di Lendinara ha voluto partecipare alla marcia promossa, Domenica 31 marzo, al Congresso Mondiale per la Famiglia, tenutosi a Verona.

“E’ stata una bellissima esperienza! Si è trattato di un evento storico, che ha finalmente messo al centro del dibattito nazionale - evidenzia il circolo culturale la Bussola di Lendinara -  quella che a nostro avviso è la priorità assoluta: la Famiglia. Vi è oggi più che mai la necessità di fermarsi a riflettere, senza condizionamenti esterni. E’ necessario riconoscere il valore primario che la famiglia dà all’intero tessuto sociale e, proprio per questo, non deve più essere vessata da pressioni sociali ed economiche”.

“L’essenza della vita si manifesta nell’unione di due persone, un uomo ed una donna, che solo insieme possono generare la vita. La famiglia dunque va difesa, tutelata come un bene prezioso. Tutte le parti politiche devono a nostro avviso prenderne atto. Con questo spirito siamo andati a Verona”, dicono i Lendinaresi che vi hanno partecipato”.

Diverse le manifestazioni di protesta nella città scaligera il 31 marzo “Le polemiche assurde e strumentali sollevate da parte di alcuni movimenti - sottolinea La Bussola - cui abbiamo assistito in queste ultime settimane e che tendono a indebolire i valori fondanti su cui finora si è retta la nostra bella Italia, non fanno che rafforzare le nostre convinzioni.

Nel rispetto assoluto di chi la pensa in modo diverso da noi e senza giudicare le scelte di vita di alcuno, crediamo che la famiglia composta da papà, mamma e i figli, sia la colonna portante della società italiana, come sancito anche dalla Carta Costituzionale, all’articolo 29 che testualmente cita: “La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. Il matrimonio è ordinato sull'uguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell'unità familiare”.

Terminato il congresso, ci aspettiamo ora una risposta politica, sperando che dopo tante inutili parole, finalmente i nostri governanti riconoscano il valore sociale della Famiglia e concedano ad essa i vantaggi che in paesi europei, certamente più laici del nostro, hanno già riconosciuto da tempoLa famiglia dunque va difesa, tutelata come un bene prezioso. .

Articolo di Venerdì 5 Aprile 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it