Condividi la notizia

#elezioniLENDINARA2019

Pd Lendinara: Viaro ci ha preso in giro 

Secondo la sezione locale del Partito democratico il sindaco uscente Luigi Viaro li ha ripetutamente cercati per “innalzare il livello politico” e poi scaricati senza una telefonata

0
Succede a:

LENDINARA (ROVIGO) - “E’ ora di dire basta alla politica di pacche sulla spalle che poi senza scrupoli ti prende in giro”. Come è noto Il 19 febbraio il sindaco nel proprio ufficio in Municipio davanti a 10 dirigenti del Pd ha insistito per avere a “bordo” tutto il Partito democratico. La necessità di questa richiesta è stata illustrata dal Primo Cittadino con il bisogno di innalzare il livello politico e partitico del suo possibile secondo mandato ma soprattutto perché vedeva nel Pd figure di alto profilo Politico gestionale. Una maturità che lo stesso Primo Cittadino ha definito “difficile da trovare”. Esternazioni che hanno fatto piacere motivando una scelta di campo. Il tutto accompagnato anche da una veloce condivisione del programma elettorale di sviluppo del paese proposto dal Pd. Il Sindaco, venendo meno alle basilari regole di rispetto, ha “sbattuto la porta in faccia” ad un intero partito non avendo neppure la delicatezza di avvisare telefonicamente e preventivamente il segretario.

“Non avremmo mai pensato che un sindaco arrivasse a questo livello nelle relazioni con un partito. Ha preso in giro il Segretario, il partito e l’intera assemblea che ha creduto alle parole e alle strette di nano del Primo Cittadino. Siamo disgustati dalla leggerezza con la quale il nostro primo cittadino ha trattato delle persone, uomini e donne. Un comportamento spregevole. La strada con questa persona è definitivamente chiusa”.

Il Pd si è mosso immediatamente perché Lendinara avendo meno di 15mila abitanti non ha il ballottaggio e quindi è indispensabile effettuare le alleanze prima del voto. Il Pd sta valutando la migliore possibilità di Alleanza per arrivare al governo di questa città. Per fare questo sono indispensabili due caratteristiche: “da un lato Individuare persone serie, capaci, leali, di parola con attitudine al governo, con esperienza di governo della città e dall’altro che abbiano capacità di unire sensibilità diverse in modo da creare la vera risposta moderata per Lendinara”.

L’appello dei democratici è perentorio: “Tutti gli elettori del Pd hanno capito che devono unirsi e fare fronte comune come erano disposti a farlo verso chi, senza scrupoli, li ha presi in giro. Gli elettori e tutti i cittadini devono capire che si deve voltare pagina.

“Dobbiamo unire tutti i moderati per un vero progetto di cambiamento e dire basta ad una politica di pacche sulla spalla. Tutti voi cittadini ora dovete credere nel vostro PD e nei suoi dirigenti perché solo in questo modo si potrà arrivare a governare veramente questa città. Fidatevi di Noi e seguiteci e sosteneteci il 26 maggio.

Se siete del Pd e se avete un cuore che batte a sinistra allora lo potete dimostrare solo in cabina elettorale”. Entro poche ore il Pd ufficializzerà le modalità con le quali si presenterà il 26 maggio.

Articolo di Venerdì 12 Aprile 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it