Condividi la notizia

ROVIGO HALF MARATHON

La corsa delle polemiche

Cittadini inferociti per i disagi subiti, un residente racconta la storia di un dipendente dell’ospedale richiamato per un’urgenza ma che è rimasto bloccato a S. Pio X

0
Succede a:

ROVIGO - Oltre 3 mila le persone partecipanti alla Rovigo Half Marathon di domenica 14 aprile, numerose le polemiche, cittadini infuriati che per tutta la mattina non potevano muoversi, diversi i divieti di sosta non rispettati, come al solito la corsa non finisce all’arrivo (LEGGI ARTICOLO).

“Io vorrei che gli organizzatori della maratona contattassero i volontari presenti sul percorso e sentire le loro opinioni sull'organizzazione e di tutte le parolacce che si sono dovuti sorbire dai cittadini”.

Lo sfogo di un residente in città racconta una storia assurda, che merita delle risposte. “Mai vista una cosa così. Come cittadino mi vergogno di vedere queste incapacità. I cittadini che hanno dovuto muoversi dalla loro casa hanno constatato una perfetta impossibilità di muoversi e purtroppo se la sono presa con i volontari del traffico, con i vigili o con le forze dell'ordine (dove c'erano). Non si può organizzare una cosa così senza avvertire i cittadini. Si sapeva pochissimo di questo evento e non si conosceva il percorso, quali strade rimanevano chiuse ne quelle aperte, in pratica mancava la mappa del percorso. Ho assistito a diversi scontri fra i volontari del traffico e i cittadini ma quello che mi ha colpito di più è stato quando un dipendente dell’Ospedale ha riferito di essere stato chiamato per una emergenza e gli è stato impedito di proseguire (zona S. Pio X), ha dovuto chiamare l'ospedale e poi non ho saputo più niente. Questi incapaci di organizzatori devono andarsene, perchè non si può bloccare una città senza avvisare i cittadini della alternative”.

Articolo di Lunedì 15 Aprile 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it