Condividi la notizia

#elezioniLENDINARA2019

Luigi Viaro presenta Obiettivi comuni

A “benedire” l’incontro anche il presidente della provincia, Ivan Dall’Ara. Il coordinatore provinciale di Forza Italia Piergiorgio Cortellazzo: “Incomprensioni se ci fosse stato anche il Pd”

0
Succede a:

LENDINARA (RO) – Venerdì pomeriggio 19 aprile alle 16.30 nella sede elettorale di via Conti, attorniato da Pierluigi Cortelazzo, Fausto Dorio, Ivo Baccaglini e Claudio Ghirardello, Luigi Viaro ha presentato il simbolo della sua cordata

Presenti in sala molti candidati, fra i quali Federico Amal, vicesindaco uscente. Nelle dichiarazioni di Viaro non ci sono state clamorose novità rispetto a quanto già riportato, tranne la soddisfazione per la raccolta delle firme di lista che ha superato quota 200 e, viceversa, un malcelato fastidio per gli attacchi “scomposti” ricevuti in quest’ultima settimana dalle liste rivali – che paiono confermate in numero di due oltre a “Obiettivi comuni” di Viaro - anche se ancora non è dato capire la posizione del Pd.

Con i toni di chi annusa la vittoria, il sindaco ha accentuato l’ecumenismo rimproveratogli dai competitori, smentendo però ufficialmente ogni intenzione di mirare al seggio regionale come insinuato dagli avversari. L’altra smentita, parlando a nuora perché suocera intenda, riguarda il presunto o paventato isolamento politico di Lendinara, smentito dalla convergente presenza di tutte le forze del centrodestra. A salutare, manifestando la propria vicinanza al progetto Viaro, è sopraggiunto il presidente della provincia Ivan Dall’Ara che ha incoraggiato Luigi a proseguire per il bene della città.

Claudio Ghirardello, di Iniziativa Civica dei Moderati ha dichiarato che “dopo 5 anni di sole civiche è nata una coalizione nuova, che comprende anche i partiti che in questi questi anni, nonostante l’opposizione, non hanno mai smesso di dialogare e l’amministrazione ha sempre cercato di considerare le loro proposte. Credo che unire il patrimonio culturale e valoriale delle civiche a quello dei partiti non possa che aumentare la capacità amministrativa di Lendinara”.

Piergiorgio Cortelazzo, coordinatore provinciale di Forza Italia ha invece chiarito che “il percorso che mi lega politicamente a Gigi Viaro è iniziato bevendo un caffè, quando mi ha detto che all’opposizione aveva tutti i partiti. Mi è sembrato molto singolare. Poi quando ho capito come si svolgeva il suo operato sono cominciate le collaborazioni per inserire Lendinara in tante prospettive provinciali. Lendinara é effervescente e può essere un punto di riferimento per il Polesine. Abbiamo immaginato di ricomporre con sobrietà un progetto (come si evince anche dal simbolo adottato) che l’appoggio politico può completare un’amministrazione già efficiente. Non ho nemici in politica, al massimo avversari ma per coerenza nel realizzare questo percorso, una delle indicazioni che ho dato è stata quella di non fare alleanze a 360 gradi: se il Pd avesse fatto parte di questa coalizione ci sarebbero state incomprensioni e avremmo fatto confusione. Dove sarà quel partito lo scopriremo il 26 aprile”.

Anche Ivo Baccaglini dirigente nazionale di Fratelli d’Italia ha ringraziato Viaro, col quale da tempo si ritrova per parlare di unità del centrodestra. “Pensavamo di farlo a livello provinciale – ha spiegato - ma è comunque un piacere essere qui a Lendinara per riunire completamente il centrodestra. Io abito a Badia, dove sento diversi commenti positivi su ciò che fa Viaro grazie al quale Lendinara é vista come una realtà in movimento. Siamo riusciti a metterci d’accordo sul programma mentre nei competitori per me votati all’opposizione vedo solo slogan antiViaro e nessun programma”.

Ha concluso la presentazione l'ex commissario provinciale della Lega Fausto Dorio che ha dichiarato: “Sono voluto essere qui perché quando ho conosciuto Viaro ho capito che é un sindaco per la gente, con la gente, tra la gente. Tutti si fermano a salutarlo e dargli la mano, questo è il segno che ha lavorato per la città e si vede. La Lega supporta sempre questo modo di fare, concreto molto vicino allo spirito che ci anima”.

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Venerdì 19 Aprile 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it