Condividi la notizia

RUGBY TOP12

Bersaglieri vittoriosi. Semifinali con il Petrarca

Con un Cioffi stellare la FemiCz Rovigo piega il San Donà nella ripresa 43-16. I Bersaglieri superano abbondantemente quota 100 mete in campionato 

0
Succede a:

ROVIGO - Gli ultimi 80 minuti della regular season non hanno riservato sorprese per gli abbinamenti dei play off lasciando invariate le posizioni di classifica. Il Kawasaki Calvisano, pur soffrendo parecchio nel finale, ha vinto la sfida esterna con il Valorugby Emilia conservando la leadership del Top 12, mentre l'Argos Petrarca è passato a Roma contro le Fiamme Oro. Come da pronostico ampiamente previsto, quindi, in semifinale la FemiCz Rovigo, vittoriosa senza problemi nel derby con il Lafert San Donà, affronterà i padovani nella più classica delle sfide del rugby italiano

leggi l'articolo sul ritiro di Joe Van Niekerk
leggi le interviste a Cioffi, Zambelli, Casellato e Ferro

Un derby che varrà l'accesso alla finale scudetto. Il confronto con i veneziani ha creato qualche problema ai rossoblù solo nei primi quaranta minuti, ma quando dopo l'intervallo Casellato ha sistemato meglio la squadra inserendo qualche titolare in mischia e tornando alla mediana classica (Chillon-Mantelli) la partita non ha avuto più storia, complice anche il calo fisico del Lafert San Donà. La squadra di Green, infatti, aveva speso molto nel primo tempo per tenere il ritmo imposto dalla FemiCz Rovigo che ha giocato ogni possibile pallone per tutta la durata del match, magari sbagliando parecchi passaggi, ma costringendo gli avversari a continui ripiegamenti difensivi che si sono fatti sentire quando è passata l'ora gioco. 

Scesa in campo con una formazione nella quale colpivano i diversi giocatori schierati in ruoli diversi dal solito, la squadra di Casellato e Properzi ha impostato la gara puntando come al solito sul dinamismo e sulla velocità, ma la difesa del Lafert San Donà per un tempo ha retto l'urto degli attacchi rossoblù non sempre, per la verità, portati con la necessaria efficacia. Più di un passaggio arrischiato e una certa pigrizia nelle fasi statiche di conquista hanno reso più facile l'opera di contenimento dei veneziani che sono andati al riposo addirittura sotto di un solo punto. Poi, dopo le sostituzioni all'intervallo, la FemiCz Rovigo ha impiegato una decina di minuti per chiudere il discorso sull'esito finale dell'incontro lasciando al Lafert San Donà solo qualche briciola di gioco nel finale. In prospettiva play off la partita con i veneziani non ha detto granchè anche se la tendenza a commettere qualche fallo in più del dovuto non è sparita e la difesa non sempre è stata attenta come doveva, ma c'è da dire che per una gara come questa la prestazione dei rossoblù basta e avanza. Adesso c'è da preparare la sfida di semifinale con l'Argos Petrarca, l'avversario più atteso dal popolo rossoblù. La FemiCz Rovigo è apparsa in salute dal punto di vista fisico, mentre sul piano tecnico il test con i veneziani non è stato tra i più probanti, specialmente per la disciplina e il comportamento del pack in mischia ordinata e nelle rimesse laterali. 

Il clima e gli umori della partita più giocata nel campionato italiano (con la prossima saranno 165) sono, però, più importanti delle annotazioni tecniche e sarà l'approccio mentale a fare la vera differenza. Tornando alla cronaca del match con il Lafert San Donà i rossoblù hanno fatto subito capire le loro intenzioni sviluppando una lunghissima azione multifase che la difesa veneziana ha contenuto con grande fatica. La spinta offensiva dei rossoblù, però, ha dovuto subire una bella reazione del Lafert San Donà che si è reso pericoloso con un'incursione di Schiabel che portato a un penalty per i veneziani per un fallo dei polesani in mischia ordinata. Owen è stato bravo a giocare rapidamente la punizione e a segnare indisturbato mentre la difesa rodigina era piuttosto distratta. La FemiCz Rovigo ha rimesso le cose a posto quasi immediatamente con una meta di Cioffi che si è fatto 70 metri di volata dopo aver trovato un gran buco nella difesa veneziana. E’ stata la meta numero 100 segnata dalla FemiCz Rovigo in questo campionato.

I biancocelesti si sono riportati in vantaggio al 22' con un penalty di Lyle, ma prima della mezzora Chillon ha cambiato ancora il risultato con una meta scaturita da una penetrazione di Vian. Poco prima dell'intervallo il Lafert San Donà ha visto premiata la sua pressione con un altro piazzato di Lyle che ha ridotto a un solo punto il vantaggio dei rossoblù. Nella ripresa la FemiCz Rovigo è tornata in campo con quattro cambi (Pavesi, Momberg, Canali e Mantelli) e la squadra ne ha subito beneficiato andando a segno tre volte in una manciata di minuti. Vian ha aperto il break decisivo del risultato trovando la meta al 5' dopo un grande break di Cioffi in mezzo al campo. Poco dopo una punizione giocata velocemente da Chillon ha liberato Majstorovic per una facile cavalcata di 40 metri verso la marcatura in bandierina. Infine al 12' un'altra iniziativa d'attacco di Cioffi (meritatissimo Man of th Match) ha mandato in frantumi la difesa veneziana prima di smarcare il liberissimo Vian per la sua seconda meta personale. La partita si è praticamente chiusa in quel momento con i rossoblù a tenere il controllo del gioco con azioni che miravano a far muovere l'ovale da ogni parte del campo. Al 19' è toccato a Odiete andare oltre la linea di meta veneziana dopo un'iniziativa scaturita da una mischia rubata dal pack rodigino che alla mezzora è andato a segno con una classica rolling maul da rimessa laterale finalizzata da Momberg. A dieci minuti dalla fine è entrato in campo Joe Van Niekerk (LEGGI ARTICOLO), uno dei beniamini del pubblico rossoblù, che tornava a giocare in campionato dopo uno stop di quasi cinque mesi. Nel finale c'è stata gloria anche per l'ex azzurro Derbyshire, capitano della squadra biancoceleste, che ha concluso in meta una bella azione lungo la linea laterale. La FemiCz Rovigo arriva nei play off per la decima volta negli ultimi undici campionati (dal 2008/09 a oggi questo obiettivo è stato mancato solo nel 2012/13) e si troverà di fronte una squadra che dovrebbe conoscere bene avendola affrontata quest'anno già quattro volte (due in campionato e due in Continental Shield). Ma si tratta del “derby d'Italia”, la partita che più di ogni altra sfugge alle regole dei pronostici.

Roberto Roversi

Rovigo, Stadio “Mario Battaglini" – Sabato 27.04.2019
TOP12, XXII GIORNATA

FEMI-CZ Rovigo v Lafert San Donà 43-16 (12-11)

Marcatori: p.t. 7’ m. Owen non tr. (0-5), 13’ m. Cioffi tr. Chillon (7-5), 22’ c.p. Lyle (7-8), 29’ m. Chillon non tr. (12-8), 34’ c.p. Lyle (12-11); s.t. 45’ m. Vian tr. Chillon (19-11), 48’ m. Majstorovic non tr. (24-11), 52’ m. Vian tr. Chillon (31-11), 59’ m. Odiete tr. Mantelli (38-11), 73’ m. Momberg non tr. (43-11), 75’ m. Derbyshire non tr. (43-16)

FEMI-CZ Rovigo: Antl; Barion (61’ Visentin), Majstorovic (71’ Van Niekerk), Cioffi, Odiete; Chillon, Piva (41’ Mantelli); Halvorsen, Lubian, Vian; Ferro (cap.) (61’ Cicchinelli), Parolo (41’ Canali); Pomaro (41’ Pavesi), Rossi (41’ Momberg), Brugnara (61’ Vecchini).

All. Casellato, Properzi

Lafert San Donà: Lyle; Reeves, Iovu (61’ Falsaperla), Pratichetti (61’ Bertetti), Schiabel; Owen, Petrozzi (61’ Balzi); Jack, Derbyshire (cap.) (77’ Sutto), Zuliani (49’ Catelan); Riedo (52’ Menconi), Sutto (49’ Dal Sie); Thwala (54’ Ceglie), Nicotera, Ceccato (54’ Pasqual).

All. Green

Arb. Federico Vedovelli (Sondrio)
AA1 Filippo Bertelli (Brescia), AA2 Gianmarco Toneatto (Udine)
Quarto Uomo: Stefano Rebuschi (Rovigo)
Calciatori: Chillon (FEMI-CZ Rovigo) 3/5; Mantelli (FEMI-CZ Rovigo) 1/2; Lyle (Lafert San Donà) 2/4
Note: giornata mite e soleggiata, con circa 23 gradi, terreno in perfette condizioni. Presenti 1200 spettatori.
Punti conquistati in classifica: FEMI-CZ Rovigo 5; Lafert San Donà 0
Man of the Match: Cioffi (FEMI-CZ Rovigo)

Questi tutti i risultati della 22/a giornata:
Rugby Viadana 1970 v Verona Rugby 24-20 (4-1)
Valsugana Rugby Padova v S.S. Lazio Rugby 31-36 (2-5)
Fiamme Oro Rugby v Argos Petrarca Rugby 24-27 (2-4)
FEMI-CZ Rovigo v Lafert San Donà 43-16 (5-0)
Valorugby Emilia v Kawasaki Robot Calvisano 16-21 (1-4)
Toscana Aeroporti I Medicei v Mogliano Rugby 1969 50-0 (5-0)

Questa la classifica finale della regular season del TOP12:

Kawasaki Robot Calvisano* 90 punti; FEMI-CZ Rovigo* 88; Argos Petrarca Rugby* 82; Valorugby Emilia* 79; Fiamme Oro Rugby 67; Toscana Aeroporti I Medicei 51; Lafert San Donà 45; Rugby Viadana 1970 44; Mogliano Rugby 1969 37; Verona Rugby, S.S. Lazio Rugby 1927** 30; Valsugana Rugby Padova***23

*qualificate ai play-off
**quattro punti di penalizzazione
***retrocessa in Serie A

Semifinali scudetto gara 1
Sabato 4 maggio 

Valorugby Emilia - Calvisano 

Domenica 5 maggio 
Petrarca Padova - FemiCz Rovigo

 

Articolo di Sabato 27 Aprile 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it