Condividi la notizia

CULTURA ROVIGO

La fabbrica dello zucchero inaugura il polo culturale

Il 30 aprile l’inaugurazione con un percorso di suggestioni tra passato e presente del Censer, con i rodigini a far da figuranti

0
Succede a:

ROVIGO – Quella che fu la fabbrica dello zucchero diventa centro di produzione di arte e bellezza. Questo è il percorso spazio-temporale del Censer di Rovigo, da zuccherificio e poi centro tecnico-fieristico, alla sua nuova veste di polo culturale polesano, che verrà inaugurato il 30 aprile prossimo, con un evento ideato dalla nuova startup culturale “La fabbrica dello zucchero” nell’area Censer, a partire dalle ore 21, con ingresso libero e gratuito. 

I visitatori saranno condotti in questo viaggio della memoria e dello spazio, attraverso varie sale del Censer, popolate di persone, parole, azioni, musica, danza e videoimmagini, verso la consapevolezza che il territorio polesano da adesso, può contare su un luogo deputato alla fruizione dell’arte, al supporto degli artisti e allo sviluppo culturale. 

Il percorso creativo è ideato e organizzato da La fabbrica dello zucchero con la preziosa collaborazione di comuni cittadini di Rovigo che si sono subito messi a disposizione per fare i figuranti e animare le situazioni sceniche più interessanti. Il territorio polesano, floridissimo di talenti spesso poco evidenziati, ha messo a disposizione gli artisti coinvolti nelle performance: il gruppo maschile del Coro polifonico Città di Rovigo, i danzatori Melania Chionna, Chiara Tosti e Giovanni Leonarduzzi; i musicisti e compositori Camilla Ferrari, Alessandro Alfonsi, Alessia Bruno e Paolo Zambelli; l’attore Andrea Zanforlin; il filmmaker Alberto Gambato ed il videomaker Vito Alfarano; lo studio di progettazione grafica Ida.Identity Atlas. 

Al termine del percorso lo staff de La fabbrica dello zucchero accoglierà i visitatori con un brindisi di buon auspicio, allestito dalle aziende Corte Carezzabella di San Martino di Venezze (Ro) e De Rusta di Cinto Euganeo (Pd), le quali sono entrate nell’evento in rappresentanza del mondo produttivo, nella convinzione che la cultura è interesse di tutti e fa parte dell’economia di un territorio.

La fabbrica dello zucchero è insieme il nome del progetto e della startup culturale che andrà a realizzarlo, in qualità di cooperativa assegnataria del contributo della Regione Veneto per l’erogazione di contributi strutturali per le imprese culturali, creative e dello spettacolo. L’iniziativa è sostenuta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo ed è avviata in partnership con Censer spa-Rovigo fiere, Ente Rovigo festival ed Associazione balletto Città di Rovigo.

Articolo di Lunedì 29 Aprile 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it