Condividi la notizia

CASTELGUGLIELMO

Il taglio del nastro sarà preceduto da un incontro

Villa Nani coop cambia casa. Sabato 4 maggio 2019, inaugurazione della nuova sede aziendale di Castelguglielmo (Rovigo)

0
Succede a:

CASTELGUGLIELMO (RO) - La casa è la “confort zone”. Ma a volte è necessario cambiare per un nuovo inizio. Vale per gli esseri umani, ma vale anche per Villa Nani, la cooperativa agricola nata nel 1965, che della collaborazione tra le persone e per le persone ha fatto la sua bandiera, come suggerisce l’ape laboriosa del logo sociale.

E’ così che Villa Nani trasferisce la propria sede principale dai locali attuali di Bagnolo di Po (Ro), al nuovo immobile di Castelguglielmo (Ro), in zona agricola-industriale “Il castello”. Per festeggiare questo passaggio epocale per la cooperativa, il direttivo sociale guidato dal presidente Damiano Giacometti, ha organizzato un evento inaugurale, aperto ai soci, agli imprenditori agricoli e a tutta la cittadinanza che vorrà condividere il momento, per sabato 4 maggio 2019, alle ore 10 e trenta, nella nuova sede.

Il taglio del nastro sarà preceduto da un incontro in cui il presidente Giacometti presenterà le attività sociali di Villa Nani nel panorama di un settore agricolo sempre più complesso e in cambiamento. Interverranno sul tema il sottosegretario al Ministero delle Politiche agricole Franco Manzato, l’onorevole Antonietta Giacometti, l’assessore regionale al Territorio Cristiano Corazzari ed i presidenti provinciali delle tre principali organizzazioni agricole: Carlo Salvan per Coldiretti Rovigo, Stefano Casalini per Confagricoltura Rovigo e Giordano Aglio per Cia Rovigo.

A segnare il legame di Villa Nani con la propria storia ed il territorio, il presidente Damiano Giacometti consegnerà un riconoscimento ufficiale ai fratelli Giancarlo e Renzo Mantovani, per l’impegno profuso nella fondazione della cooperativa, e alla memoria del loro fratello Felice Mantovani, che ne fu il primo presidente. Dopo il taglio del nastro, ci sarà la visita alla nuova sede ed un brindisi conviviale benaugurale per tutti.

“La cooperativa è nata dal niente ed oggi ci stiamo allargando e strutturando – spiega il presidente Damiano Giacometti. – Erano 20 i soci fondatori e siamo arrivati ad oltre 600 aziende, tra associate e clienti. La nuova sede – prosegue Giacometti - ci consentirà finalmente di avere un magazzino di stoccaggio per i cereali (con una capacità di circa 10 mila tonnellate), che completerà il servizio offerto ai cerealicoltori rendendoci autonomi dai terzi e consentendoci di tagliare i costi ai nostri conferenti. In più avremo la sicurezza ed il controllo di chi ha la merce sotto il proprio tetto; avremo anche un laboratorio che analizzerà tutto il prodotto all’ingresso”. “Nella nuova sede si trasferiranno gli uffici amministrativi – continua ancora Giacometti – e dunque, diverrà la sede principale della cooperativa. Però non abbandoneremo gli stabili attuali a Bagnolo, ma li dedicheremo esclusivamente allo stoccaggio dei cereali da agricoltura biologica, settore che curiamo da anni e che si è molto espanso, attuando così una perfetta separazione col prodotto tradizionale, nel segno della trasparenza dell’origine”. La nuova sede, infine, complice il fronte strada, accoglierà l’esposizione di macchine ed attrezzature agricole, nuove ed usate, che non potevano trovare spazio negli immobili attuali, molto più ristretti, anche se fanno parte della storia sociale.

Articolo di Mercoledì 1 Maggio 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it