Condividi la notizia

ROVIGORACCONTA

Inizio bagnato per Rovigoracconta

Esordio sotto l’acqua a Rovigo per la kermesse culturale venerdì 3 maggio in piazza Vittorio Emanuele II con l’ospite Michele Serra

0
Succede a:

ROVIGO - Impavidi. Uomo e donne affamati di cultura sotto al porticato di piazza Vittorio Emanuele II in attesa che spiovesse per oltre 50 minuti. Rovigoracconta è cominciata così, come l’anno scorso. Venerdì 3 maggio prima giornata di eventi, organizzazione messa a dura prova per il maltempo, qualche temerario è rimasto anche inchiodato alla sedia sotto al diluvio per paura di perdere il posto. 

Appena smesso di gocciolare per Michele Serra, primo maxi ospite di Rovigoracconta 2019, gli ombrelli sono spariti e il liston colorato a festa si è popolato nel giro di qualche secondo. Volontari impegnati ad asciugare le sedie con la rigorosa maglietta arancione, lo “spettacolo" comincia con un’ora di ritardo rispetto al programma, ma non è certo colpa degli organizzatori, ed il meteo nei prossimi giorni non promette nulla di buono.

Per la prima volta a Rovigo lo scrittore è venuto a presentare il suo ultimo libro, Le cose che bruciano, edito da Feltrinelli.

“Le cose che bruciano sono le cose di cui ci vogliamo liberare: ricordi, emozioni, situazioni, lettere, oggetti” racconta ai presenti Michele Serra. “Le cose che bruciano” è un romanzo pieno di atmosfera. Brillante, lucido, arrabbiato ha momenti lirici inaspettati. Attilio Campi, il protagonista, vive quasi di niente, non inquina, non usa la plastica, ha trovato in sé una mitezza tenuta nascosta. Al brusio del mondo preferisce lo sguardo dell’alba tutti i giorni. Attilio Campi, che per anni ha fatto politica attiva in un partito progressista, nauseato dalle critiche interne del suo gruppo, abbandona tutto per andare in montagna, a Roccapane, un paesino ligure inventato dallo scrittore. La fama del politico Campi deriva da un disegno di legge, alquanto discutibile: la proposta di reintroduzione dell’uniforme obbligatoria nelle scuole pubbliche di ogni ordine e grado.

Attilio aveva sostenuto con vigoria che l’uniforme era un mezzo per distinguersi nei meriti scolastici, invece di pensare a come vestirsi per sembrare più cool, all’altezza della situazione. 

Sabato 4 maggio calendario fittissimo di appuntamenti e impegni a partire dalle 11 in Accademia dei Concordi con Cristina Dell’Acqua che nel suo Una spa per l’anima (Mondadori) guida il lettore attraverso le pagine più belle di autori greci e latini che si sono dimostrati maestri di benessere interiore. 

Alle 11, in Sala Confagricoltura, Evita Greco presenterà La luce che resta (Garzanti), un romanzo sull'essere madre e sul sentirsi figli, e dove il concetto di famiglia si allarga per racchiudere tutto l'amore possibile.

In Pescheria Nuova alle 11.30 si terrà l’incontro con Paolo Soffientini, ricercatore Ifom – istituto di Oncologia Molecolare, che in Cent’anni da leoni. Manuale per vivere a lungo senza rinunce (Mondadori) svela le regole da seguire per vivere in modo sano senza tuttavia rinunciare alla socialità e ai piaceri della vita. 

In piazza Garibaldi alle 12 arriverà Angelo Duro con il suo primo romanzo, Il piano B (Mondadori). Noto per il suo carattere cinico e controverso sin dai tempi de Le Iene, Duro è in tour dal 2018 nei migliori teatri italiani con lo spettacolo comico e pungente Perché mi stai guardando?

Ilaria Gaspari sarà protagonista dell’appuntamento Lezioni di felicità alle 15.30 in l’Accademia dei Concordi. L’autrice condurrà un esperimento esistenziale attraverso la cronaca di sei settimane “filosofiche”, ciascuna vissuta nel rispetto dei precetti di una diversa scuola.

Alle 15.30 palazzo Cezza ospiterà Alberto Schiavone che nel suo ultimo romanzo Dolcissima abitudine (Guanda) racconta la vita di una prostituta e attraverso le sue vicende ripercorre la storia d’Italia dagli anni Cinquanta a oggi, narrando con stile asciutto e realista l’intero Novecento.

Frankie Hi-Nrg Mc, considerato uno dei pionieri dell’hip-hop italiano, presenterà - alle 16 presso il Corsopolitan - Faccio la mia cosa (Mondadori), un’autobiografia che alterna le tappe fondamentali della sua vita a quelle cruciali dell’hip hop.

Alle 16 piazza Vittorio Emanuele si animerà con BoRoFra, una performance di percussioni e danze africane guidata da Alseny Bangoura, artista guineiano. BoRoFra è un progetto che nasce nel centro di accoglienza Porto Alegre e coinvolge le strade e le piazze.

Nella sala conferenze ex Roccati si svolgerà alle 16 la presentazione del libro Lamiere. Storie di uno slum di Nairobi (Feltrinelli Comics). Gli autori, Giorgio Fontana, Danilo Deninotti e Lucio Ruvidotti, si sono uniti a una missione umanitaria dell’ong attiva a Deep Sea, tra i più poveri slum di Nairobi.

Massimo Coppola incontrerà i suoi lettori alle 16.30 nella sala Confagricoltura. Il suo ultimo romanzo, Un piccolo buio (Bompiani) deve il proprio il titolo alla paura di vivere che attraversa il nostro tempo e può inghiottire tutto se non si fa un bilancio sul passato prima di costruire il futuro.

Alle 16.30 all’Osteria Ai Trani torna Simone Tempia con i suoi indimenticabili dialoghi surreali, agrodolci e profondi, basati sulla sua vita con Lloyd, il maggiordomo immaginario. Un anno con Lloyd (Rizzoli Lizard) regala ai lettori una quotidiana pillola di ironica saggezza.

L’Accademia dei Concordi alle 17 farà da cornice all’incontro La meraviglia dell’ultimo amore con Gabriele Romagnoli. Nel suo romanzo Senza fine. La meraviglia dell’ultimo amore (Feltrinelli) l’autore si concentra sulla caratteristica che tutti gli ultimi amori hanno in comune: la consapevolezza di aver trovato nell’altro la certezza di quello che si è.

Sempre alle 17, in Pescheria Nuova, Giacomo Papi presenterà Il censimento dei radical chic (Feltrinelli) in cui, in un’Italia simile a quella attuale, il governo mette alla gogna gli intellettuali, radical chic colpevoli di infierire sugli onesti cittadini con paroloni incomprensibili. 

Perché siamo banali è il titolo dell’appuntamento che si terrà al Teatro Duomo alle 17 Stefano Bartezzaghi, l’enigmista più famoso d’Italia, ritorna con Banalità, luoghi comuni, social network e semiotica (Bompiani). Con le armi della semiotica, l’autore si interroga sull’ossessione contemporanea, alimentata dai social network, per l’originalità ad ogni costo. 

Filippo Ceccarelli sarà protagonista dell’appuntamento delle 17 in piazza Garibaldi, in cui presenterà Invano. Il potere in Italia da De Gasperi a questi qua (Feltrinelli). Il volume si inabissa nelle pieghe di una storia cominciata con il Dopoguerra e in un Paese senza memoria.

Nella piazza Annonaria alle 17.30 si potrà assistere alla lectio di Paolo Rumiz dal titolo Il filo infinito. Il volume omonimo (Feltrinelli) è un viaggio attraverso l’Europa dei monasteri, alla riscoperta dei nostri valori fondanti. 

Alle 17.30 all’Osteria dei Trani Maria Antonietta, pseudonimo della cantautrice Letizia Cesarini, presenterà il suo romanzo d’esordio, Sette ragazze imperdonabili (Rizzoli), un omaggio alle donne che hanno scelto di non conformarsi e non compiacere le aspettative degli altri. 

Nata per te (Einaudi), la storia dell’adozione che ha commosso l’Italia, arriva a Rovigoracconta alle 17.30 nella sala Confagricoltura. Luca Trapanese e Luca Mercadante si fanno testimoni di una splendida vicenda di amore e coraggio che va oltre le differenze. 

Matthieu Mantanus, autore di Rossini! (Feltrinelli kids), incontrerà i suoi lettori alle 18, seduto al pianoforte dell’Auditorium del Conservatorio. Il volume, illustrato dal fumettista Alessandro Baronciani, presenta il compositore attraverso una storia ambientata ai giorni nostri.

Khaled Kalifa incontrerà il pubblico di Rovigoracconta alle 18.30 nella sala consiliare della Provincia. In Morire è un mestiere difficile (Bompiani) narra il viaggio surreale di tre fratelli, un ritratto senza sconti di un Paese in cui la violenza è pane quotidiano.

L’incontro Piccoli gesti per salvare il mondo, che si terrà alle 18.30 nella piazza Annonaria, vedrà protagonista Filippo Solibello, che debutta con Spam. Stop plastica a mare (Mondadori). Il sottotitolo è 30 piccoli gesti per salvare il mondo dalla plastica: trenta giorni, trenta post-it corrispondenti ad altrettanti gesti quotidiani in grado di cambiare le sorti del nostro pianeta.

Il Corsopolitan ospiterà alle 18.30 l’incontro A panda piace, con Giacomo Bevilacqua. Panda compie dieci anni e per festeggiare Giacomo Bevilacqua, uno dei più importanti talenti del fumetto italiano, ha confezionato A panda piace. Questo nuovo libro qui (Feltrinelli Comics). 

Alle 18.30 in piazza Garibaldi si riunirà la famiglia più amata del web: The Pozzolis Family. L’amore si moltiplica. Tutto quello che ho imparato diventando mamma e non ti ho mai detto (Mondadori) è la risposta di Alice alla notizia che la sua migliore amica aspetta un bambino.

Tornerà l’attesa Notte di Rovigoracconta con lo spettacolo Tu che non sei romantica di Guido Catalano, alle 20.30, in piazza Vittorio Emanuele II. Poeta e performer, presenza fissa a Caterpillar su Rai Radio 2, curatore della posta del cuore della rivista Linus e autore di sei libri di poesie editi da Miraggi Edizioni, Guido Catalano trasforma il suo ultimo romanzo edito da Rizzoli in un reading esplosivo. 

A partire dalle 22, sempre nell’ambito della Notte di Rovigoracconta, la città si animerà grazie alla collaborazione con i migliori locali del centro storico e alla presenza di gruppi musicali. La partnership con Malfy Gin e Carlo Alberto Vermout permetterà di degustare in ogni location cocktail di alto livello a prezzo speciale.

Articolo di Venerdì 3 Maggio 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it