Condividi la notizia

RUGBY PERONI TOP12

A Lubian il solito monumento

Statiche di un derby che ha fatto la storia, mischia devastante sotto il diluvio quella della FemiCz Rovigo contro il Petrarca, e le condizioni contro il Calvisano dovrebbero essere identiche in finale il prossimo 18 maggio

0
Succede a:

ROVIGO - A Calvisano con una mischia che scoppia di salute. Nelle fasi statiche i Bersaglieri hanno dominato con il pack, vincendo 7 delle 8 mischie a propria introduzione, mentre gli avversari ne hanno vinte 6 e perse 3. Ma sono le modalità con cui la FemiCz Rovigo le ha vinte che hanno dato una carica particolare ai Bersaglieri. 166esimo derby d’Italia vinto dalla FemiCz ROvigo 18-9, Petrarca Padova fuori dalla finale scudetto, e stadio Battaglini in delirio. Matteo Ferro in seconda linea probabilmente la mossa vincente per dare maggiore peso a tutto il reparto. Prima linea rossoblù che anche con i giovani Pavesi, Cadorini e Rossi ha distrutto la mischia tutta nera, poi l’apoteosi con Brugnara, Momberg e D’Amico.

leggi la cronaca FemiCz Rovigo - Petrarca Padova 18-9
leggi l'articolo su Joe Van Niekerk
leggi l'intervista a Leo Mantelli
leggi le interviste a Zambelli e Favaretto
leggi l'intervista ad Andrea Marcato
leggi le parole di Ferro, Barion, Properzi e Cioffi
leggi l'intervista a Umberto Casellato
leggi l'articolo sulla Rugby Rovigo del '79

Una partita nel fango, a tratti epica. Due mete di ottima fattura sotto il diluvio, oltre 100 mete in stagione, i rossoblù dopo essere partiti con diversi problemi (societari e non), negli ultimi mesi hanno trovato la strada giusta.

Mancano ancora dei dettagli, soprattutto in rimessa laterale, vero punto di forza del Calvisano. Nel derby il Petrarca ne ha vinte 9 perdendone 2, a fronte delle 7 vinte e 3 perse dai rossoblù. 

Per quanto riguarda la disciplina le due squadre si sono equivalse nel primo tempo, con 6 penalità ciascuna, mentre nella seconda frazione di gioco i Bersaglieri si sono dimostrati molto più attenti commettendo solo 2 infrazioni a fronte delle 6 (e un cartellino giallo) rimediate dagli avversari.

Sono stati 69 i placcaggi effettivi messi in atto da Rovigo, con Lubian ancora al primo posto tra i rossoblù ad averne effettuati il maggior numero, 16, seguito da Cicchinelli con 8 e da Momberg con 7. Cicchinelli e Ferro sono al primo posto tra i migliori portatori di palla in attacco con 11 avanzamenti positivi ciascuno, seguiti dal Peroni Man of the Match Halvorsen con 8 e da Odiete con 7. Infine, nella pulizia dei punti d’incontro al primo posto della Top3 vi sono ancora Lubian e Cicchinelli con ben 19 interventi nei breakdown effettuati positivamente, seguiti da Halvorsen con 17 e da Pavesi e Rossi con 11.

Articolo di Martedì 14 Maggio 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it