Condividi la notizia

#elezioniROVIGO2019

"Il centro storico al centro della riqualificazione di Rovigo"

Andrea Borgato candidato nella lista SiAmo Rovigo che sostiene Silvia Menon sindaco, affronta l’argomento degli spazi vuoti in centro storico, un problema antico

0
Succede a:

ROVIGO - Nel giugno del 2013 il Gruppo Bachelet in un convegno alla presenza di diversi professionisti rodigini e dell'allora sindaco Piva, evidenziò la questione degli "spazi vuoti urbanistici" in città. Probabilmente era una delle prime volte, se non la prima, che tale tema veniva posto all'attenzione della città. 

“Tanto per capirci fu l'incontro da cui emerse - commenta Andrea Borgato presidente Gruppo Bachelet candidato con SiAmo Rovigo che sostiene Silvia Menon sindaco - fra l'altro il dibattito molto acceso sulla "torre" che era stata proposta per il recupero dell'ex-Odeon e per la riapertura di un cinema in città. Proprio su questo argomento seguirono numerose prese di posizione regolarmente riprese dalla stampa.

Nel prosieguo della propria attività altri momenti di confronto pubblico sono stati organizzati dal gruppo sempre su aspetti urbanisti, viari e di mobilità.

Dunque, non da oggi il tema dei "vuoti" urbani a Rovigo è in agenda, peccato che davvero poco sia stato fatto e che anzi si siano ampliati con nuovi "buchi" urbanistici in pieno centro”.

“Non v'è dubbio che una scelta di fondo va fatta ed è quella di affrontare il nodo di una modifica sostanziale delle scelte urbanistiche che hanno prodotto la realizzazione di molti interventi edificatori, in particolare attraverso i pessimi Piruea e che hanno ipotizzato una espansione urbanistica nelle periferie a discapito del recupero urbano in città e nei centri delle frazioni.

Infatti, non si possono dimenticare le responsabilità - continua Andrea Borgato - che vanno tutte in capo alle amministrazioni precedenti, dove molti dei protagonisti li ritroviamo puntualmente il lista a riproporsi chi come consigliere comunale chi come  candidato sindaco. Anche su questo gli elettori dovrebbero riflettere”.

Ora il recupero di tale gravissima situazione, incancrenitasi ed anzi accresciuta, è divenuta sempre più complessa e presuppone un piano ampio, idee ed un recupero di risorse che dovrà vedere impegnata la prossima amministrazione fino in fondo, “a cominciare da scelte urbanistiche coerenti con l'obiettivo di ridare forza al centro del capoluogo e alle sue frazioni”.

Articolo di Giovedì 16 Maggio 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it