Condividi la notizia

COMUNE BADIA POLESINE (ROVIGO)

La domanda dei Servizi sociali è in crescita, “Cerchiamo di rispondere con oculatezza"

Approvazione rendiconto della gestione 2018 dei Servizi sociali, Pubblica istruzione e Cultura in capo all’assessore Valeria Targa

0
Succede a:

BADIA POLESINE (ROVIGO) -  L’assessore ai servizi sociali Valeria Targa ha presentato la relazione dell’attività svolta ed approvata col bilancio consuntivo 2018, nella seduta del consiglio comunale del 10 maggio scorso.

La domanda di Servizi Sociali è aumentata – ha esordito l’assessore - sia per l’invecchiamento della popolazione che per i problemi legati al disagio sociale”.  Tra le iniziative poste in essere per contrastare la situazione, l’assessore ha menzionato la proficua convenzione con la Caritas, realizzata a costo zero ma che ha ottimizzato le risorse impegnate, evitando inutili duplicazioni d’interventi.  Per quanto riguarda le spese di competenza, i contributi corrisposti per coprire le utenze domestiche, affitto, medicinali, hanno comportato un esborso complessivo di euro 17.707,57 (comprensivo dei fondi solidali, ossia dei euro 9.000,00 ricevuti da Zhermack e Abafood), importo inferiore rispetto a quello dell’anno precedente compensato dall’utilizzo di altri strumenti statali quali: Reddito di Inserimento sociale (REI), contributi corrisposti alle famiglie monoparentali ecc.

L’assistenza domiciliare, affidata alla cooperativa “L’ora del Bradipo”, ha consentito un intervento settimanale presso una decina di famiglie, mentre il Servizio pasti che ha garantito 17 pasti giornalieri (di cui 10 consumati presso la casa di riposo e 7 consegnati a domicilio) destinati in prevalenza a persone anziane o con forte disagio sociale, ha inciso per euro 14.122,40 (in crescita rispetto all’anno precedente). In linea con l’anno precedente invece, è stato il contributo di euro 177.380,65 per l’Integrazione delle rette di ricovero in strutture per anziani (10 persone ospitate nella Casa del Sorriso di Badia Polesine). 

La voce di bilancio più consistente ha riguardato il contributo corrisposto all’azienda Ulss 5 Polesana per la gestione delle deleghe obbligatorie (sono le spese spettanti sul  principio mutualistico ai Comuni per le rette di residenzialità in struttura dei minori con problemi) che è stato pari a euro 288.200,00 (nel 2017 era di euro 245.564,55). L’aumento è conseguente a quello registrato per la quota pro capite riconosciuta, che da euro 23,75 è passata a euro 27,60.

Nell’ambito della Pubblica Istruzione si è registrato un risparmio di circa euro 4.000,00 con una spesa complessiva di euro 133.000,00, del servizio gestito dalla società Seaf Bus di Montegrotto Terme. Il costo del servizio mensa, prima gestito dall’Associazione Famiglie e da settembre 2018 da CIR FOOD, di euro 76.476,39 "è aumentato però - ha precisato l’assessore - é importante evidenziare la rimodulazione del servizio rispetto al passato con l’introduzione di un sistema informatizzato e il miglioramento della qualità e della varietà dei menù proposti”. 

La gestione dell’asilo nido comunale, svolto dalla Cooperativa Progetto Now di Conselve è costato euro 185.845,77. Sono invariati rispetto all’anno precedente i contributi corrisposti alle scuole paritarie dell’infanzia, (euro 9.500,00 a favore della scuola Monsignor Berardo di Villa d’Adige e euro 23.500,00 a favore della Paola di Rosa). 

Sono stati confermati alcuni progetti scolastici cofinanziati dal comune quali: la Borsa di studio Teobaldo Rossi consegnata per il 25 aprile con contributo del Comune di euro 500,00, il Progetto Dislessia per le prime classi della scuola primaria euro 1.500,00,  quello musicale Four per € 200,00, per la scuola potenziata con un contributo di euro 500,00 e  il contributo per il post scuola con euro 5.250,00 e per il servizio estivo con euro 1.800,00,  il contributo per l’acquisto di materiale didattico per euro 2.000,00, per  le uscite didattiche euro 1.098,00. Nel 2018 è stato avviato il Progetto di appoggio educativo domiciliare in collaborazione con l’associazione famiglie per il quale sono stati impiegati euro 2.800,00. E’ stata, infine, acquistata una struttura ludica da esterno in legno, per la scuola dell’infanzia con una spesa di euro 1.500,00. 

Per l’area “Cultura” l’assessore ha posto in evidenza l’incremento del 8,96% degli utenti della Biblioteca civica. Badia Polesine, inoltre, si è collocata al primo posto sul piano provinciale ed al sesto su quello regionale per numero di eventi in relazione al progetto “Veneto Legge – Maratona di Lettura” del 28 settembre 2018. Sono stati confermati i tradizionali appuntamenti culturali, quali: “Incontri con l’autore” con un contributo del comune di euro 600,00, la rassegna “Tra Ville e Giardini” cofinanziata dalla Provincia di Rovigo, con un contributo comunale di euro 1.500,00, “Appuntamenti in corte” promosso da Bancadria, la rassegna “Musiké” promossa dalla Fondazione Cariparo e il tradizionale concerto promosso dal Rotary per la Tournée dei Talenti Russi. Il contributo alla Pro Loco per il carnevale, la festa degli aquiloni, il ferragosto badiese, gli eventi natalizi, è stato di euro 5.000,00.

Nonostante le difficoltà si è riusciti a realizzare una piccola rassegna teatrale di tre appuntamenti, con un contributo del comune di circa euro 1.800,00. “Bilancio positivo – ha concluso Valeria Targa -  anche per le visite in Collezione Balzan con 846 accessi” 

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Venerdì 17 Maggio 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it