Condividi la notizia

RUGBY PERONI TOP12

Brugnara al Calvisano, Chillon al Petrarca e Majstorovic al Valorguby

Alcuni pezzi pregiati della FemiCz Rovigo salutano, oltre a Massimo Cioffi verso le Fiamme Oro partono anche Brugnara, Chillon e Cioffi

0
Succede a:

ROVIGO - E’ probabilmente il miglior acquisto effettuato dalla direzione sportiva targata Stefano Bettarello, il pilone sinistro Riccardo Brugnara, dopo due stagioni, lascia Rovigo.

38 presenze in 2 campionati, 2 mete, esordio in rossoblù il 23 settembre 2017 nella prima giornata a Reggio Emilia, con la vittoria dei Bersaglieri 15 a 25, poi la corte del Benetton  Treviso, la chiamata in qualità di permit player. Dopo la finale scudetto del 18 maggio per lui si aprono proprio le porte di Calvisano. Una scelta fatta in ottica Pro14, se in casa Benetton forse ha trovato la porta chiusa, in ottica Zebre, via Calvisano, troverà la probabile consacrazione.
Leggi l’articolo su Calvisano campione d’Italia
Leggi la cronaca di Calvisano - FemiCz Rovigo
Leggi l’articolo sul mercato in uscita in casa Rovigo
Leggi l'intervista a Guido Barion
Leggi l'intervista a Massimo Brunello
Leggi le parole di Casellato e Ferro

Dice addio anche Denis Majstorovic, autentico protagonista delle ultime stagioni della FemiCz Rovigo. Delle 109 mete di questa stagione dei Bersaglieri, prima della finale, 11 portano la sua firma. Campione d’Italia nel 2016 al Battaglini, 86 presenze in 5 campionati, 36 mete, ritroverà l’amico Luciano Rodriguez a Reggio Emilia in casa Valorugby. “Barba nera”, così lo chiamano i tifosi, “figlioccio” di Pippo Frati,  ha esordito in rossoblù il 5 ottobre 2014 nella prima giornata FemiCz Rovigo-Petrarca 23 a 16. Devastante nell’uno contro uno, avrebbe meritato sicuramente la Nazionale in pianta stabile.

Altro big in partenza Alberto Chillon. Il mediano di mischia, ma all’occorrenza anche pregevole apertura, ritorna a casa. Il petrarchino era giunto a Rovigo via Zebre, ha portato a Rovigo la sua serietà ed intelligenza non solo nel gioco, ma anche nella gestione dei momenti difficili. La sua esperienza mancherà ai Bersaglieri.

Quattro campionati in rossoblù (ben tre finali, campione d’Italia nel 2016), prima della finale del 18 maggio 2019 aveva collezionato 76 presenze, segnato 154 punti (13 mete, 5 calci piazzati e 37 trasformazioni). In carriera anche uno scudetto con il Petrarca nella nefasta finale del 2011 al Battaglini,

Come già annunciato nelle settimane precedenti anche Massimo Cioffi saluta Rovigo. Diventato ben presto beniamino dei tifosi, e premiato anche in qualità di miglior giovane emergente dal sito specializzato Rugbymeet per la stagione 2018-2019, l’utility back entra nel gruppo sportivo della Polizia di Stato. Cioffi la prossima stagione vestirà la maglia delle Fiamme Oro.

Articolo di Sabato 18 Maggio 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it