Condividi la notizia

RUGBY PERONI TOP12

Zero rimpianti, si comincia a pensare già alla prossima

Casellato e capitan Ferro non cercano scuse, Calvisano superiore, FemiCz Rovigo che poteva rimanere attaccata al match, ma non lo ha fatto

0
Succede a:

CALVISANO (BS) - Zero alibi. Questa volta i tifosi si sono potuti risparmiare i soldi per la multa. Calvisano nettamente superiore alla FemiCz Rovigo che ha provato in tutte le maniere e scardinare la difesa bresciana, ma ci è riuscita quando ormai i giochi erano fatti da un pezzo.

Leggi l’articolo su Calvisano campione d’Italia
Leggi la cronaca di Calvisano - FemiCz Rovigo
Leggi l’articolo sul mercato in uscita in casa Rovigo
Leggi l'intervista a Guido Barion
Leggi l'intervista a Massimo Brunello
Leggi le parole di Casellato e Ferro

Sabato 18 maggio coach Casellato, accolto da una autentica ovazione dai tifosi rossoblù accorsi al Pata stadium per la finale scudetto, ha avuto poco da dire. Il tabellone rimasto sul 33-10 parla da solo, come le luci dei fari dell’impianto del Calvisano rimaste accesi ad oltranza quasi a ribadire il titolo tricolore. “Abbiamo avuto due penalità che potevamo mettere dentro e non siamo riusciti - spiega Casellato - a rimanere agganciati al match e a termine la prima frazione 12-9. Sul 12-3 per loro è stato più facile dopo la meta da drive, poi noi abbiamo giocato ma non c’era niente, giocavo senza un principio".

“Oggi l’unica recriminazione sono i due calci piazzabili del primo tempo, per i presto la touche non è andata bene, oltre ad altre cose. Faccio un in bocca al lupo ai ragazzi che lasciano la Rugby Rovigo perché alcuni hanno fatto un percorso, piangevano in spogliatoio, li troveremo da avversari, e spero che contro il Rovigo facciano la loro migliore partita”.

“Durante la stagione abbiamo avuto delle turbolenze, ma sappiamo che con Francesco Zambelli alla presidenza problemi economici non ci sono, chiaramente vivere a Rovigo è una città difficile, quando perdi due partite non è bello andare al bar e sentirsi chiedere, nel mese di ottobre, se arrivi al panettone. Spero l’anno prossimo di disputare la finale l’anno prossimo a Rovigo”.

Capitan Ferro non è di molte parole, ma eloquenti “Abbiamo lottato, ma non abbiamo messo punti sul tabellone, almeno quelli che potevamo portare”.

 

Articolo di Domenica 19 Maggio 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it