Condividi la notizia

AMARCORD IIS VIOLA-MARCHESINI ROVIGO

Dopo 30 anni gli amici della V/B si ritrovano

Compagni da una vita senza mai perdersi di vista: a Guarda Veneta si sono riuniti gli ex studenti dell'Itis Ferruccio-Viola per rivivere le emozioni di un tempo

0
Succede a:

GUARDA VENETA (Rovigo) - Venerdì 17 maggio lo stesso gruppo di studenti affiatati, con gli stessi insegnanti, si è dato appuntamento trent'anni dopo all'agriturismo Ai Quarti di Guarda Veneta, per la rituale cena di classe. Un appuntamento al quale nessuno vuol mancare, per ritrovarsi e rivivere i momenti del tempo passato.

La loro è stata proprio una splendida avventura, giocata in pochi ma intensi anni di studio, che i loro professori sono riusciti a valorizzare.

“Nella serata di venerdì, anche dopo trent'anni, abbiamo potuto rivivere le pillole di saggezza italo-dialettali del prof di lettere, Frigato che oggi sono diventati modi di dire, massime di vita. L'indigesta grammatica inglese insegnata con passione dalla prof Lazzarini è servita alle esperienze di chi oggi lavora con l'estero. Pochi di questi studenti hanno poi svolto la professione del perito elettrotecnico ma il metodo e la disciplina insegnati dagli ingegneri Semeghini, Rizzieri e Ferrarese sono stati il passepartout nell'affrontare i problemi lavorativi quotidiani. Un ricordo a don Valentino Tonin, grande educatore e per tutti un life-coaching” racconta l'affiatato gruppo di ex studenti.

La classe V/B Elettro, da sempre amici, legati dai forti valori della vita che nella moderna era del digitale e delle chat sembra essersi smarrita. Alcuni di loro millantano di sentirsi giovani nello spirito e nel fisico come e più di allora, di certo è che basta guardarli un istante per cogliervi la stessa voglia di vivere fuori dagli schemi di chi ha vissuto l'inquietudine nucleare, il crollo del muro di Berlino, la dissoluzione dell'impero sovietico, ma anche l'età gaudente e dorata degli anni '80, le moto enduro, le discoteche, le compagnie fatte di tantissimi amici.

Il 1989 fu un anno irrequieto... uno dei primi “viaggi-distruzione” durato ben nove giorni, percorso in pullman Rovigo-Parigi-Londra, iniziavano i primi sentimenti europeistici sinceri magari ai più sconosciuti. Si partecipava ai concorsi come “I giovani incontrano l'Europa”, erano gli anni degli scioperi, delle assemblee studentesche organizzate un giorno sì e uno no...

Oggi sono tutti impegnati nel mondo del lavoro, nei più svariati settori. Resta ancora un sogno nel cassetto: quello di tornare all'Itis Ferruccio Viola (oggi Iis Viola-Marchesini) da ex studenti e per un giorno rivivere le stesse emozioni, magari condividendo i ricordi di ieri e l'esperienza di oggi con gli aspiranti periti che tra poco vivranno il mondo reale, al di là del banco di scuola.

Articolo di Domenica 19 Maggio 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it