Condividi la notizia

CONCORSO NAZIONALE DI POESIA

Premio Gianantonio Cibotto, ecco i vincitori

Mattinata di premiazioni quella di domenica 26 maggio in Accademia dei Concordi con la scrittrice rodigina Angioletta Masiero ideatrice del concorso letterario

0
Succede a:

ROVIGO – Basterebbe solamente dire il numero dei partecipanti per testimoniare il successo della seconda edizione del premio in memoria di Gianantonio Cibotto che si è tenuto nella mattinata di domenica 26 maggio in Accademia dei Concordi. Ben 498 le opere giunte da tutta Italia sono state esaminate da una giuria di qualità composta da Stefano Valentini direttore “Nuova Tribuna Letteraria”, Natale Luzzagni editore e scrittore, Rosanna Beccari docente e giornalista, Irene Lissandrin direttore del quotidiano RovigoOggi.it; segretario della giuria con diritto di voto Dante Bernardinelli. Tutti hanno avuto il non facile compito di decretare i vincitori; padrino dell’evento è stato il professor Giovanni Boniolo, presidente dell’ospitante Accademia dei Concordi di Rovigo mentre presidente onorario, il famoso scrittore e poeta romano Corrado Calabrò, direttore artistico il regista televisivo Andrea Menaglia, presidente editoriale lo scrittore poeta Rodolfo Vettorello, il presidente del comitato d’onore figura Angelo Zanellato presidente della Polesine Film Commission e la presidente di giuria Angioletta Masiero che è anche colei che ha ideato il premio stesso in ricordo di uno delle più grandi penne del Polesine. 

La mattinata è stata intensa di emozioni e pensieri oltre che accompagnata dalla musica di Paola Chiarion, pianista concertista, e dalla sorpresa di un tango ballato da Paolo Pozzato e Daniela sulle musiche suonate da Walter Sigolo e Marco Daniele, ispirato dalle righe del romanzo della stessa Angioletta Masiero, Il tango del Burligiù, fresco di  vittoria del secondo posto al premio Alda Merini.

Ecco l'elenco dei vincitori: per la narrativa edita il 1° premio è andato a Roberto Bianchin di Venezia con Ultima turnè ; il 2° premio a Ilaria Sichirollo di Milano con I luoghi degli amori finiti; il 3° premio a Vittorio Casali di Roma con Un Balcone su via Merulana; il premio della Critica a Gianfranco Mattera di Levico Terme con Brutte storie bella gente; premio della Giuria a Vander Penazzi di Argenta con San Martèin; miglior Opera prima ad Anna e Rosanna Cancellieri di Roma con Il Libro dei Colori; premio Narrativa giovani a Francesca Beltrame di Castelnovo Bariano con Il filo invisibile del silenzio; premio Narrativa Fideuram a Claudia Tortora di Treviso con La camelia del partigiano; miglior Giallo di Maria Cristina Flumiani di Milano con Milano in giallo; miglior Opera narrativa in lingua veneta a Lucia Beltrame Menini di Verona con con Fole da sognare; premio “Gaetano Romanato” a Franca Occari di Pincara con Il Polesine con lo sguardo dell’amore; premio “Miro Penzo” a Giovanni Margarone di Udine con Note Fragili.

Per la sezione saggistica: 1° premio al magistrato Vincenzo Calia di Pavia e alla giornalista Sabrina Pisu con Il caso Mattei; 2° premio a Massimo Scanarini di Padova con Il cervello mente; 3° premio a Vincenzo Iannuzzi di Trento con Evoluzione della vita fino alla protostoria: attualità; 3° premio a Gabriele Sabatini di Roma con Visto si stampi; premio della Critica a Maria Primerano di Catanzaro con L’anello stregato di Mozart; premio della Giuria a Giorgio Soffiantini di Badia Polesine con 1915-1919 La Prima guerra mondiale… a casa; premio presidente di giuria a Gianluca Ciuffardi di Livorno con Piovono scoiattoli; premio Cibotto “Cultura e ambiente” a Roberto Cavallo di Alba con La bibbia dell’ecologia; premio Saggistica Fideuram a Giuseppe Magnarapa di Roma con Il triangolo d’oro; premio Nuova Tribuna Letteraria ad Alessandro Cabianca di Padova con Quattro secoli di poesia Veneta; premio miglior opera storico-gastronomica a Patrizia Rossetti di Varese con In cucina con I Promessi Sposi; premio saggistica giovani a Giulio Padoan (Rovigo) con Dal kitsch al neo-kitsch.

Per la sezione poesia edita, 1° premio a Bruno Castelletti di Verona con Stèle da l’Orsa; 2° premio a Stefano Caranti di Occhiobello con I custodi dell’aurora; 3° premio a Franco Casadei di Cesena con Donna del mare; premio della Critica a Rosetta Menarello di Stanghella con Compagni di viaggio; premio della Giuria a Massimo Zona di Caserta con Discende il vento; premio associazione culturale “Il Circolo” a Horion Enky di Trecenta con Strade.

Per la poesia inedita il 1° premio a Paolo Menon di Lecco con Cambio di scena agreste; 2° premio Giovanni Ronzoni di Lissone con I Domani; 3° premio a Claudio Pavarin di Rovigo con Graffiti; premio della Critica a Gianna Patrese di Rovigo con Il pianto silente dei liuti; premio della Giuria a Marino Bellini di Villadose con La clessidra; premio “Manzolli Modonesi” a Nuccia Venuto di Rovigo con Polesine malinconico; premio “Nuova Tribuna Letteraria” a Luciana Gatti di Minerbe con Scriboci col lapis; premio “Flaminio De Poli” a Gabriella Legnaro Silvestrini di Costa con M’ama non m’ama?

Nel corso della cerimonia sono stati assegnati tre importanti “Premi alla Carriera” a tre illustri personalità: Donatella Rampado (Milano) imprenditrice e scrittrice; Rodolfo Penna (Treviso) curatore olistico e scrittore; Vittorio Spampinato (Bologna) promotore culturale. 
Articolo di Lunedì 27 Maggio 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it