Condividi la notizia

PER LE FUTURE MAMME

Fidas Polesana in prima linea per donare sangue e cordone ombelicale

Martedì 18 giugno torna l’appuntamento con “Un filo che unisce, un dono di vita” nel centro sociale parrocchiale di Loreo

0
Succede a:

LOREO (ROVIGO) - Torna anche quest’anno, martedì 18 giugno alle 20.45, nel centro sociale parrocchiale di Loreo, l’ormai tradizionale appuntamento con l’informazione medico scientifica organizzata dalla Fidas Polesana Gruppo di Loreo e in collaborazione con l’associazione Danilo Ruzza Adoces, dal titolo “Un filo che unisce, un dono di vita” dedicato alla donazione di sangue e alla donazione del cordone ombelicale. 

L’evento, reso possibile grazie alla collaborazione con l’amministrazione comunale, la parrocchia, la Pro Loco di Loreo, l’Ulss 5 Polesana, la Lega italiana lotta ai tumori e Bancadria, vede come relatore Lara Sartorato, ostetrica dell’ospedale di Adria su un tema di grande attualità e interesse.

“Crediamo che l’informazione di natura medico-scientifica sulla salute, in particolare delle mamme e dei bambini, non sia mai abbastanza – affermano il presidente Fidas Polesana, Luca Callegari e la presidente dell’associazione Danilo Ruzza Adoces - questo incontro è stato pensato proprio per dare informazioni esaustive e concrete alle mamme che pensano di avvicinarsi al dono del cordone ombelicale e ai tanti giovani che pensano di diventare donatori di sangue. Le loro scelte di oggi, personalissime, possono incidere sull’intera comunità”.

Durante la serata ci saranno anche alcune esibizioni delle piccole allieve del Centro danza di Loreo, scuola di danza classica e moderna coordinata dalla maestra Simonetta Granata, già in passato vicina alla Fidas Polesana per la realizzazione di eventi di sensibilizzazione. Al termine, infine, un momento conviviale a cura del Circolo Noi di Loreo.

Articolo di Giovedì 6 Giugno 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it