Condividi la notizia

TEATRO ADRIA

Teatro, Omar Barbierato: “Persi abbonati storici ma numeri ok”

Il sindaco di Adria difende l’operato dell’associazione Tempi e Ritmi per quanto riguarda la stagione teatrale, mentre Massimo Barbujani chiede di verificare quanti biglietti sono stati effettivamente venduti

0
Succede a:

ADRIA (Rovigo) - “Come amministrazione siamo contenti di come è andata la stagione teatrale curata dall’associazione Tempi e Ritmi che è riuscita a confezionare una stagione importante nei numeri, affrontando diverse criticità tra cui il pochissimo tempo a disposizione dovuto ad un errore sul bando, non addebitabile a questa giunta, che ha fatto slittare di ulteriori quindici giorni la programmazione e la mancanza degli abbonamenti del 2018 che Arteven purtroppo, ha scelto di non trasmetterci”. Il sindaco di Adria, Omar Barbierato, difende a spada tratta l’associazione che si è occupata della stagione teatrale dopo che l’ex sindaco Massimo Barbujani aveva posto dei dubbi (e richiesto i dati ufficiali dei biglietti staccati e quelli omaggio) circa i toni trionfalistici espressi da Tempi e Ritmi (LEGGI ARTICOLO). 

“Una decisione - (quella di far slittare la programmazione e la mancata trasmissione di abbonamenti) secondo il primo cittadino adriese - che non ha permesso a Tempi e Ritmi di poter dare continuità alla fidelizzazione degli abbonati storici, importanti per opinioni e feedback per la scelta degli spettacoli delle future rassegne”.

“C’è stata quindi una diminuzione del numero di abbonamenti - ammette Barbierato - mentre è aumentata la media dei biglietti venduti. Questo per dire in primis che, se si parte per tempo con il database aggiornato, sugli abbonati si potrà implementare il numero complessivo, l’altra è che il territorio ha voglia di teatro e di osare verso una programmazione diversificata, dove la danza, la prosa, il cabaret e la musica ne facciano parte. Abbiamo un pubblico curioso che vuole sperimentare insieme a noi e per questo stiamo già lavorando per la nuova stagione teatrale per arrivare a pubblicizzare nei tempi giusti una rassegna che tutti si aspettano”.

Nel comunicato stampa, l’associazione Tempi e Ritmi presieduta da Massimo Salasnich aveva annunciato che si erano registrate “4.255 presenze in sala, con una media di quasi 400 presenze a spettacolo (387, per l’esattezza, ogni sera). Questo il podio dei primi tre titoli per presenze: Marco e Pippo (sold-out dei posti disponibili messi in vendita) 755, Balletto ucraino 490, Creedence Clearwater Revived 430. La media risulta la medesima anche considerando i soli nove spettacoli in abbonamento. Pertanto ogni sera, in media, 180 spettatori si sono aggiunti agli abbonati (206). Il dato è più che positivo, anche considerati i tempi ristretti in cui è stata organizzata e realizzata la rassegna, raffrontato con il dato dell'anno scorso, quando ad ogni spettacolo hanno presenziato in media 170 persone oltre agli abbonati”.

Articolo di Sabato 8 Giugno 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it