Condividi la notizia

SCUOLA BASSOPOLESINE

Festa di fine anno nel nome della libertà

Ad Ariano nel Palazzeto dello sport si è tenuta la seconda edizione dell’iniziativa che ha coinvolto tutti gli studenti e i docenti tra musica e divertimento

0
Succede a:

ARIANO NEL POLESINE (Rovigo) – Il 15 maggio, nel Palazzetto dello sport di Ariano, si è svolta la seconda edizione della Festa della scuola. 

Tutto l’istituto comprensivo Turolla di Ariano e Corbola, dalla scuola dell’infanzia alla secondaria di primo grado, ha portato il proprio contributo all’evento. Il tema della libertà, scelto per l’occasione, è stato affrontato in modo libero dalle classi, tenendo conto della sensibilità di ciascuno e adeguando i contenuti all’età dei partecipanti. La presentazione è stata curata dal docente Davide Girardello, che ha tenuto le fila della giornata in modo impeccabile e gioioso.

Particolarmente toccante l’esibizione della scuola primaria di Rivà: gli alunni del plesso De Amicis hanno infatti disegnato la parola libertà in grande, con l’utilizzo di spray colorati. 

Il coro e l’orchestra, per tutta la mattina, hanno curato gli intermezzi musicali, riscuotendo gli applausi entusiasti della platea. Durante l’iniziativa è intervenuto il sindaco uscente, Carmen Mauri, che ha portato ai presenti i saluti della giunta e si è complimentata con bambini e ragazzi per l’impegno dimostrato e per la bravura. Il vicepreside, Danilo Lo Presti, ha accolto il numeroso pubblico di allievi anche a nome della dirigente scolastica e ha invitato i presenti a riflettere sull’etimologia della parola scuola, derivata dal greco scholè, termine impiegato per indicare il tempo in cui ci si riposava dalle fatiche della vita quotidiana per dedicarsi allo studio, al ragionamento, alla condivisione di idee. 

Un privilegio allora riservato a pochi. Oggi, per gli studenti di Ariano e Corbola, la scuola è una bella opportunità di crescere insieme e condividere anche questi momenti di festa. Al termine della mattinata, Girardello ha dedicato un pensiero personalizzato ai docenti di strumento, ricorrendo a una bellissima metafora con i colori.

Articolo di Sabato 8 Giugno 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it