Condividi la notizia

CONSIGLIO COMUNALE ROVIGO

Ultima speranza per Bimbatti: entra se si dimette Gambardella

La conferma arriva dagli uffici comunali. Mattinata di firme di accettazione da parte dei consiglieri eletti

0
Succede a:
ROVIGO - Via vai a Palazzo Nodari nella prima mattinata utile per i consiglieri eletti lo scorso 26 maggio per accettare la nomina.
Dopo la costituzione della maggioranza consiliare a favore delle tre liste a sostegno del sindaco eletto, Edoardo Gaffeo, l'aula del Comune capoluogo ha registrato assenze impensabili fino a qualche settiamana fa, come per esempio la cancellazione della rappresentanza azzurra (LEGGI ARTICOLO) con Andrea Bimabatti, ex vicesindaco, escluso, per la seconda volta di fila dopo le elezioni del 2015 dal consiglio comunale.

Nel 2015 infatti, da candidato sindaco, fu lasciato fuori dall'aula a causa di un riparto della minoranza che diede ragione alla lista Tosi per Paolo Avezzù sindaco che non si apparentò con la Lega per Massimo Bergamin, quindi fu attribuito il seggio in minoranza ad Antonio Rossini piuttosto che ad Andrea Bimbatti come sindaco non eletto. Nel 2019 invece Bimbatti rimane fuori per via del risultato di Forza Italia in minoranza, ma potrebbe entrare se la candidata sindaco Monica Gambardella si dimettesse.

A confermare lo scenario il dirigente del Comune di Rovigo Alfonso Cavaliere che, dati alla mano, ha preso atto della deliberazione della commissione elettorale di lunedì 10 giugno (LEGGI ARTICOLO) e sta ricevendo tutte le accettazioni da parte dei consiglieri comunali.

Poco prima delle 12.20 l'ex candidata sindaco Monica Gambardella ha accettato formalmente la carica di consigliere comunale di minoranza, quindi Bimbatti potrà solo che attenderne le eventuali dimissioni.
 
Articolo di Martedì 11 Giugno 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it