Condividi la notizia

POLITICA LENDINARA

Parte il Viaro-bis a firma Lega e Fratelli d'Italia

Insediamento del sindaco Luigi Viaro, nomina della giunta di centrodestra e presidenza del consiglio ad un iscritto del Pd

0
Succede a:
LENDINARA (Rovigo) - Primo consiglio comunale a Lendinara per l'insediamento del Viaro bis. In una sala consiliare colma di gente, il sindaco, subito dopo il giuramento e gli indirizzi di governo, ha presentato ufficialmente la sua nuova squadra composta da qualche vecchia conoscenza e delle new entry.


Francesca Zeggio, Guglielmo Ferrarese, Franco Fioravanti, Lorenzo Valentini a cui si aggiunge a sorpresa anche il nome di Irene Sasso piuttosto della ventilata ipotesi di Lorenza Masiero come assessore esterno. Il suo nome è stato fortemente voluto e richiesto da Fratelli d'Italia coordinata localmente da Marco Dabbizzi che non è riuscito a vederla eletta come consigliere comunale.

Per quanto riguarda la presidenza del consiglio è stato votato il consigliere Nico Pavarin balzato agli onori della cronaca per i suoi trascorsi col Partito democratico (LEGGI ARTICOLO) visto che faceva parte del comitato di giovani (del Pd) che accolse a suo tempo Matteo Renzi a Rovigo. Il suo nome è stato proposto dall'ex vicesindaco Federico Amal e votato da 14 consiglieri, 3 le schede bianche. 

Si è poi proceduto alla votazione della carica di vicepresidente, con la proposta di Amal di lasciarla alla minoranza che però ha rifiutato l'offerta. E' stata quindi votata Francesca Tonello con 12 voti a suo favore e 5 schede bianche.

Dalla "distribuzione" di cariche e deleghe rimane al momento a bocca asciutta Forza Italia (la Tonello come Ferrarese sono in quota Lega) che probabilmente, secondo voci insistenti, ambisce ad una nomina nel cda della casa di riposo.
Articolo di Giovedì 13 Giugno 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it