Condividi la notizia

ZONE ECONOMICHE SPECIALI

Zes in Veneto, i 5 stelle riaffermano la volontà. "Zaia inizi a collaborare"

I deputati del Movimento 5 Stelle Francesca Businarolo e Federico D’Incà: si farà grazie a noi. Al via i monitoraggi sul territorio

0
Succede a:
VERONA  – “L’istituzione delle Zone economiche speciali (Zes) in Veneto è stata posta solo di recente grazie alla nostra azione. Il precedente governo aveva pensato la loro creazione solo per il Mezzogiorno”.  Lo affermano in una nota i deputati del Movimento 5 Stelle Francesca Businarolo e Federico D’Incà. “Il tema è molto ‘caldo’ per le sue importanti ricadute per le imprese e l’occupazione e, purtroppo, non manca chi vorrebbe affossare o negare il nostro impegno. Ovviamente - proseguono i parlamentari - visto che si tratta di una iniziativa molto seria e complessa, occorre costruire gli adeguati passaggi. Il ministro Barbara Lezzi, che nella audizione nella Commissione parlamentare per le questioni regionali dello scorso 11 giugno, rispondendo alla senatrice Roberta Toffanin, ha riaffermato la sua volontà positiva sull’introduzione delle Zes in Veneto, ha dato mandato al Mise e a Confindustria di fare dei monitoraggi sui territori: ha dato una risposta la Regione, ente competente? Aspettiamo la costruzione dei passaggi successivi, sperando che il presidente Zaia inizi a collaborare, perché le Zes rappresentano una grande opportunità di crescita per il territorio.Come abbiamo segnalato recentemente in una nostra nota, nel solo Comune di Venezia e nei Comuni della provincia di Rovigo sarebbero disponibili 385 ettari dismessi o abbandonati: si stimano 2,4 miliardi di euro di investimenti, 7.600 posti di lavoro diretti e 19.000 mila indiretti", hanno concluso Businarolo e D’Incà.
Articolo di Venerdì 14 Giugno 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it