Condividi la notizia

#elezioniROVIGO2019

I giovani democratici pronti ad un progetto di rete nel territorio 

Il Pd a Rovigo ha vinto sostenendo Edoardo Gaffeo, ma in provincia non può sorridere, lo evidenziano i giovani del Partito Democratico

0

ROVIGO - "Da parte nostra, è assolutamente doveroso complimentarsi con il professor Edoardo Gaffeo per aver riportato, con la sua squadra e grazie alla determinante apertura alle realtà civiche, la città di Rovigo al centro-sinistra. La vera sfida inizia ora: sicuramente Gaffeo, con una giunta scelta accuratamente in base alla competenza delle persone, riuscirà a riportare il capoluogo al livello delle altre città venete. Ci teniamo anche a rinnovare i nostri complimenti a coloro che nell’ultima tornata elettorale del 26 maggio, sono riusciti a riconfermarsi in qualità di sindaci o amministratori nei propri Comuni e a tutti i neoamministratori eletti.

Tuttavia ci preme sottolineare come per il Partito Democratico non sia possibile sedersi sugli allori, poiché il partito non può e non deve essere Rovigo-centrico. Un partito che vince nel capoluogo ma che in Polesine, alle elezioni Europee, si ritrova con 3mila voti in meno, deve comunque portare ad una riflessione interna se non anche ad un decisivo cambio di passo.

Da tempo assistiamo a situazioni di immobilismo alquanto preoccupanti, a Rovigo come in provincia, e continuiamo a raccogliere richieste di collaborazione da parte di tante persone che hanno voglia di contribuire, ma spesso non trovano punti di riferimento sul territorio. Non vogliamo certo processare le persone, ma piuttosto provare a portare delle nuove soluzioni all’interno del partito. Tanti giovani, tanti iscritti storici, altrettanti neo-iscritti chiedono che vi sia un lavoro intenso sul territorio, affinché il partito possa tornare ad essere profondamente radicato per affrontare domani le prossime sfide elettorali. Non basta però avere un circolo che apre solo per il tesseramento un paio di volte all’anno. I circoli, presenti in quasi tutti i comuni della provincia, devono essere valorizzati e coinvolti in un progetto di sviluppo del partito stesso: usciamo in piazza, facciamo politica tra la gente e mostriamo ai polesani che il Partito Democratico c’è oltre il tesseramento e che si preoccupa dei problemi dei cittadini, soprattutto di quelli più in difficoltà. Serve un nuovo corso del PD polesano al quale tutti siamo chiamati a contribuire.

Noi siamo pronti a fare il primo passo con una squadra di giovani iscritti, segretari di circolo e amministratori, e dalle prossime settimane inizieremo un progetto di coordinamento tra i circoli limitrofi, affinché possano collaborare e lavorare insieme.

Per questo lanciamo un appello a tutti gli iscritti del PD polesano, ai segretari di circolo, ai dirigenti, a chi vuole iscriversi per la prima volta, a tutti i simpatizzanti: vogliamo costruire un nuovo percorso per rinnovare il Partito Democratico e far sì che in tutti i comuni della provincia sia presente, operativo, aperto, inclusivo e attento alle questioni locali".

Manuel Berengan
Stefano Dall’Aglio
Enrico Mercadante
Daniele Barison
Sara Ruzza
Asia Trambaioli
Ilaria Modena
Pierpaolo Ballo
Niccolò Bellini
Niccolò Maghini
Jahan Shoul
Jacopo Griguolo
Raffaele Pasquali
Lorenzo Zacconella
Giulia Ranzani

Articolo di Sabato 15 Giugno 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it