Condividi la notizia

MUSEO VIRTUALE

Il Muvig materia di studio all’università di Bologna

Un gruppo di giovani dell’ateneo bolognese presenterà sabato 22 giugno i risultati della ricerca condotta sul museo virtuale del Garofalo di Canaro

0
Succede a:

CANARO (ROVIGO) - Il museo virtuale del Garofalo di Canaro diventa oggetto di studi dell’università di Bologna. Un gruppo di giovani dell’ateneo bolognese presenterà sabato 22 giugno alle 16.45 al Muvig, un progetto coordinato per lo sviluppo e la valorizzazione dell’apparato didattico del museo.

Nell’ambito di un accordo di collaborazione tra il Comune di Canaro e il dipartimento di Beni culturali dell’università di Bologna, i giovani ricercatori dell’università presenteranno i primi risultati di un lavoro che stanno conducendo con l’obiettivo di arricchire e valorizzare il Muvig. Sarà l’occasione per conoscere, grazie alle indagini condotte e a ricostruzioni virtuali, alcuni degli episodi chiave della produzione del pittore polesano e per vedere insieme i primi video prodotti dai ragazzi per il progetto di ricerca.

Dopo i saluti del sindaco Nicola Garbellini, di Serena Cirella presidente del comitato di gestione del Muvig, di Donatella Girotto del Cedi (centro didattica beni culturali e ambientali), interverranno Marcello Toffanello delle Gallerie estensi di Ferrara e la docente di storia dell’arte moderna dell’università di Bologna Barbara Ghelfi. Seguirà la presentazione del progetto da parte del gruppo di ricerca universitario composto da Maria Delpriori, Francesca Fabbri, Laura Garcia, Matilde Gentilini, Maria Giovanna Lucchi, Giulia Ravegnini, Agata Soldi, Silvia Spadoni.

Articolo di Lunedì 17 Giugno 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it