Condividi la notizia

RUGBY TOP12

Massimo Cioffi ritorna sul mercato, sfida tra Calvisano e Rovigo

Niente Fiamme Oro per Massimo Cioffi, il fortissimo utility back diventa improvvisamente l’oggetto dei desideri delle ultime finaliste del massimo campionato italiano, ovvero FemiCz Rovigo e Calvisano

0
Succede a:

ROVIGO - Se tornasse a Rovigo a vestire la maglia della FemiCz Rovigo,  l’head coach Umberto Casellato si ritroverebbe tra le mani la linea dei tre-quarti più forte e completa del massimo campionato italiano.

Massimo Cioffi non entrerà nel Gruppo Sportivo della Polizia di Stato. Non per demerito visto che è uno degli atleti migliori del panorama nazionale nel suo ruolo, già Nazionale Emergenti e Seven (LEGGI ARTICOLO), è tenuto d’occhio da diverso tempo anche da Zebre e Benetton Treviso.

Un problema regolamentare ha impedito all’utility back di entrare in Polizia, a Rovigo ha impressionato non solo per le doti espresse sul campo, ma ha lasciato un ricordo indelebile anche fuori. Il classico bravo ragazzo, anzi molto di più, Corretto in campo e fuori, un esempio anche per i più giovani. Doti velocistiche impressionanti, figlio d’arte, aveva scelto Rovigo perchè ama le sfide. Arrivato in punta di piedi si è guadagnato un posto in squadra a suon di mete. Con coach Umberto Casellato è riuscito ad esprimersi ai massimi livelli: gambe, cuore, ma anche testa.

Massimo Cioffi a Rovigo ha giocato le ultime due stagioni, 41 presenze totali in campionato segnando 19 mete, ben 13 nella stagione 2018-2019.

Massimo Cioffi è diventato ben presto il beniamino dei tifosi con quei cambi di passo che hanno infiammato il pubblico. Può giocare ala, tre-quarti centro o estremo, e in queste ore è ritornato di fatto sul mercato. Al presidente Francesco Zambelli, che nel frattempo si è preso qualche giorno di vacanza, ora spetta la decisione. Uno sforzo economico imprevisto per i Bersaglieri, ma il patron, quando è stato necessario fare un sacrificio, non si è mai tirato indietro. Cioffi ha tre possibilità, forse quattro. Ritornare a Rovigo, a cui ha dato molto, e da cui ha ricevuto tutto l’affetto possibile che solo la piazza rossoblù può regalare (LEGGI ARTICOLO). Entrare nelle Fiamme Oro da esterno, e per coach Gianluca Guidi sarebbe comunque un valore aggiunto, oppure, in queste ore si è fatto avanti il Calvisano di coach Massimo Brunello.

La quarta opzione, e non è tanto lontano dalla realtà, una possibilità Zebre che comunque potrebbe concretizzarsi in qualità di permit player se decidesse di vestire la maglia dei campioni d’Italia del Calvisano. Il cuore di Cioffi sicuramente porta a Rovigo, la logica, in funzione Pro14, verso la provincia di Brescia. Umberto Casellato farebbe carte false per riaverlo. Un feeling particolare con il giovane beneventano (classe 1997) per il tecnico trevigiano, che nel caso avrebbe l’imbarazzo della scelta. 

Tra i big, anche se Casellato ha sempre detto che tutti i giocatori sono importanti, nella linea arretrata le opzioni sarebbero molteplici. A Piva le chiavi della mischia (con opzioni Citton e Loro), James Ambrosini mediano d’apertura, Angelini e Antl centri, due posti all’ala per Barion, Cioffi e Odiete con Bacchetti che arriverà a fine novembre, Menniti - Ippolito estremo (ma in quel ruolo ci sarebbe l’opzione Cioffi, che gioca con profitto anche centro, e Odiete). Una linea dei tre-quarti completa che comprende anche il neo entrato Lisciani (ala-centro). Mastandrea (ala), Modena e Moscardi ai centri, in attesa di sapere cosa farà Leonardo Mantelli.

Sempre sul fronte del mercato della FemiCz Rovigo, il pilone sinistro dei Bersaglieri sarà argentino (dopo la partenza pesante di Brugnara). Salvo colpi di scena improbabili, il patron Francesco Zambelli dovrebbe aver già dato il via libera all’operazione. Per la seconda linea invece la direzione è quella del Sud Africa. Una prima scelta sembra essere sfumata in quanto il giocatore è in odore di Super Rugby (impossibile competere a livello economico e di prestigio). Dovrà esser comunque un atleta di spessore in un reparto dove la FemiCz Rovigo ha sofferto in maniera particolare nell’ultima stagione nel post Pj-Parker.

Giorgio Achilli

 

Articolo di Giovedì 20 Giugno 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it