Condividi la notizia

COMUNE LENDINARA (ROVIGO)

Lorenzo Valentini: Grazie, la gratitudine arricchisce la vita

L’assessore alle Attività produttive, ambiente, viabilità e sicurezza, analizza il risultato elettorale e annuncia le sue prime mosse per la città

0
Succede a:

LENDINARA (ROVIGO) – Lorenzo Valentini va avanti come un treno. Chi lo conosce per avervi lavorato assieme, come il direttore del Consorzio di bonifica Adige - Po Giancarlo Mantovani, lo descrive come un uomo con tre caratteristiche importanti: la competenza, la passione e la voglia di fare. Esponente di Per Lendinara e assessore alle Attività produttive,  all’ambiente, alla sicurezza urbana e viabilità, nonché alla polizia locale, forte di un ottimo consenso personale, ben 458 preferenze alle recenti elezioni amministrative, sta già lavorando per l’installazione di telecamere di ultima generazione a lettura di targhe bidirezionali e con telecamere di contesto, per il quale proprio qualche giorno fa ha ottenuto il contributo dalla Regine Veneto. 

Valentini rivolge un ringraziamento agli elettori e al gruppo di appartenenza, una “vera lista civica” che non nasconde alcuna sigla politica, che l’ha sostenuto condensando questo sentimento in una semplice parola sincera che a volte si fatica a pronunciare: “Grazie!” ma che, per chi ci crede, fa la differenza. Valentini non nasconde commozione nel dirla, così come non nasconde d’aver pianto incredulo il giorno dello scrutinio, impressionato da quei numeri assolutamente inattesi, pur sapendo d’aver lavorato sodo per il bene comune. “Sono convinto che la gratitudine arricchisce la vita”. 

Valentini com’è nata la sua esperienza amministrativa?
“Nel 2012 come semplice cittadino impegnato nelle problematiche ambientali di quel periodo, per contrastare l’insediamento d’impianti insalubri di prima classe nel nostro territorio che potevano essere nocivi per la salute pubblica (erano impianti a biogas e biomassa, ndr).  Da lì sono nati i primi confronti con gli amministratori dell’epoca, che sfociarono in un consiglio comunale aperto. Successivamente finalizzai quell’impegno fino a diventare assessore esterno nella prima amministrazione Viaro. Oggi, a 42 anni, penso di poter dare ancora qualcosa alla comunità alla quale prometto coerenza e continuità soprattutto sui temi ambientali”.

A cose attribuisce il suo successo?
“Sono convinto che l’elettorato abbia voluto premiare lo stile sobrio ma concreto fatto di servizio alla comunità, lontano dai riflettori e dai selfie, oggi tanto di moda. Del resto posso solo dire che mi sento uno di voi, “al vostro servizio”, per continuare con responsabilità, i nuovi obiettivi e i progetti iniziati, nel rispetto di tutti, con speciale attenzione all’Ambiente, alla Salute, alla Vita e per una Lendinara migliore e più sicura”.

Cosa le resta della campagna elettorale?
“Il disappunto per gli scontri personali. Credo nel confronto delle idee che ci possono migliorare. Alla fine però siamo tutti cittadini della stessa comunità e l’esperienza insegna che talvolta ci si divide ma talaltra ci si incontra. Confido in questo”. 

E adesso?
“Nel mio consuntivo di fine mandato (LEGGI ARTICOLO), come assessore all’Ambiente e Lavori pubblici di Lendinara, avevo stilato un resoconto onesto per quanto concerne l’ambiente, argomento particolarmente a me caro, ma anche alcuni interventi come la realizzazione del primo parco inclusivo e la riqualificazione di parco San Francesco. Siamo stati il primo Comune a introdurre il diserbo ecologico a vapore, mentre proseguirà l’incremento del patrimonio arboreoSul fronte urbanistico spero di ottenere il via libera per la riqualificazione della piazza Risorgimento che vorrei diventasse il salotto buono e accogliente di Lendinara, con un “listòn” senza auto ma senza sacrificare i parcheggi, grazie ad una modifica della viabilità.  Essendo un progetto importante vorrei coinvolgere l’opinione pubblica. Per la “sicurezza cittadina”, invece, penso di implementarla con l’installazione di telecamere di ultima generazione a lettura di targhe bidirezionali e con telecamere di contesto funzionanti h24, in qualsiasi condizione meteo, collegate costantemente alla centrale di videosorveglianza del comando di polizia. In questi giorni ho ottenuto il finanziamento regionale per il 70% (vale a dire 50mila euro) della realizzazione che a giorni partirà. Una piccola parte della spesa complessiva di 87.760,70 (3.839 euro) sarà a carico di Villanova del Ghebbo e altrettanti a carico di Lusia, mentre Lendinara coprirà i restanti 15.100 euro. La ditta appaltatrice inoltre fornirà delle migliorie tecnologiche per la realizzazione dei nuovi varchi d’accesso al paese”.

Una considerazione finale?
“Solo questo: siamo ospiti del palazzo al servizio del cittadino; questa è la mia filosofia di vita e dico: valutatemi per quello che faccio”.

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Lunedì 24 Giugno 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it