Condividi la notizia

CALCIO ROVIGO

Richiesta la messa in liquidazione per la Rovigo ssd

Il socio Cittante costituisce una nuova società, la Asd Grandi Fiumi Rovigo Calcio e si rivolge al tribunale per la messa in liquidazione della Rovigo ssd

0
Succede a:
ROVIGO - La situazione è esplosa in casa del calcio Rovigo ssd, il socio ex Ras Commenda, tramite il proprio avvocato, ha presentato domanda al Tribunale di volontaria messa in liquidazione giudiziale della società. L'altro socio, Malvino Cervati, attende solo la prossima assemblea soci per mettere sul piatto la propria quota sociale ed abbandonare la scena. Resiste solo Giuseppe Calabria, socio al 50% che si dimostra amareggiato per il comportamento degli altri soci e si dichiara ottimista per l'ingresso di nuovi investitori prondi a dare solidità alla prima squadra e a tutto il settore giovanile.

Il sodalizio tra Boara Pisani ed ex Ras Commenda sembra comunque essere ormai arrivato al capolinea. I soci sono da settimane ai ferri corti e il futuro del Rovigo ssd è sempre più incerto. Un anno fa le due società si erano fuse per creare un'unica entità che desse qualità e un’unità d'intenti al calcio rodigino ma, dopo la stagione appena trascorsa, sono emersi diversi problemi. È da premettere che la concessione dello stadio Francesco Gabrielli era in mano al socio, di minoranza, Malvino Cervati e, di conseguenza, alla stessa società che ne detiene l’usufrutto degli stessi impianti sportivi, cioè lo stesso Rovigo ssd. Ma detta convenzione è scaduta e dovrà essere rinegoziata con il Comune di Rovigo.

Detto questo le diatribe tra prima squadra e settore giovanile non sono mai mancate, tant’è che è stata formata una nuova società con presidente Alessandro Rossi, Asd Grandi Fiumi Rovigo Calcio, che vorrebbe portare avanti il progetto del già esistente settore giovanile del Rovigo ssd, ovvero dell'ex Ras Commenda.

Una delle motivazioni della creazione della nuova societaria sarebbe stato il continuo silenzio dell’amministratore unico di Rovigo ssd Maurizio Formenton, il quale sarebbe accusato di non comunicare con lo stesso settore giovanile. La nuova società che dalle parole dello stesso Cittante si dichiara essere stata creata per mettere in sicurezza il settore giovanile del Rovigo ssd, ha già fatto richiesta al protocollo del Comune di Rovigo lo scorso 28 giugno di poter essere beneficiaria dell'impianto dello stadio Gabrielli.

Una situazione in bilico, che nella mattinata odierna ha preso un ulteriore piega, ossia la presentazione della domanda di messa in liquidazione della società Rovigo ssd da parte di uno dei soci. Questo non compromette l’iscrizione al prossimo campionato di prima categoria della squadra, ma porterebbe alla nomina di un “curatore”, che nell’arco di circa tre mesi, andrà a valutare la situazione rodigina e cercare di porvi rimedio anche se lo spettro sembra essere quello dello scioglimento della società.
Articolo di Venerdì 5 Luglio 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Calcio

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it