Condividi la notizia

Deltablues

La voce graffiante di Popa Chubby a Rovigo

L’appuntamento, sabato 13 luglio all’arena spettacoli del Censer di viale Porta Adige

0
Succede a:
ROVIGO - Arriva la voce graffiante e romantica di Popa Chubby sabato 13 luglio all’arena spettacoli del Censer di Rovigo, in viale Porta Adige 45, a partire dalle 21, per la seconda serata di concerti del Deltablues festival 2019 (in caso di maltempo gli spettacoli si terranno nelle sale del centro fieristico).

Chitarrista newyorkese, Popa Chubby è tra i più particolari tra i big del blues contemporaneo, per l'indole sopra le righe maturata in una vicenda musicale iniziata nel punk. Per definire il proprio genere ha coniato questa definizione: “Gli Stooges che incontrano Buddy Guy, i Motorhead che incontrano Muddy Waters, Jimi Hendrix che incontra Robert Johnson”. Il suo concerto, all’interno dell’edizione numero 32 del Deltablues, sarà preceduto da quello dei livornesi Tres, trio formato dai fratelli Roberto e Simone Luti, rispettivamente chitarra e basso, con il batterista Rolando Cappanera con un repertorio originale di blues elettrico strumentale. Mentre ad aprire la serata saranno le selezioni dell’International Blues Challenge (IBC). Per le selezioni saliranno sul palco, per la categoria band, Willy Mazzer & the Headhunters e per quella duo, i Boogie Bombers.

Popa Chubby, 59 anni, al secolo Ted Horowitz, dopo aver festeggiato 25 anni di “hard rocking blues” si ripresenta con un doppio Cd live Big Bad and Beautiful; ben 27 tracce live registrate in Francia che includono una vasta selezione dei suoi classici quali Angel on My Shoulder e Over The Rainbow accanto ad alcuni brani dei Rolling Stones.
Durante la sua carriera, iniziata nel 1994, è stato una presenza non sottovalutata dal caratteristico tempestoso e soulful sound mai stato così potente come ora. Un’imponente figura dalla testa rasata, braccia tatuate e pizzetto e uno stile che lui stesso descrive come “the Stooges meets Buddy Guy, Motörhead meets Muddy Waters, and Jimi Hendrix meets Robert Johnson" Popa Chubby è un personaggio accattivante, uno dei più popolari nel suo genere.
La sua carriera è sempre stata in movimento e alla ricerca di un posto per sé stesso nell’imponente territorio del business musicale, superando le difficoltà, sempre in continua crescita e maturità come una forza creativa si è creato una cerchia di fans in tutto il mondo in costante crescita.
Nativo di New York la sua prima esibizione è come chitarrista di una band punk che lui definisce una "crazy Japanese special effects performance artist in a kimono called Screaming Mad George who had a horror-movie inspired show."
Partendo da qui si immerge nel rock’n’roll e impara molto dai grandi artisti del tempo incluso George, Ramones, the Cramps e Richard Hell, la cui band, the Voidoids, di cui fa parte, gli insegna che il rock’n’roll può essere pericoloso. “Musicisti come Ramones e Sex Pistols non erano solo delle band, erano un pericolo per la società.”


A precedere il concerto di Popa Chubby i Tres, musicisti dallo stile rock blues altrettanto talentuosi. Si scrive Tres Radio Express Service, si legge Roberto e Simone Luti (fratelli) e Rolando Cappanera (amico da sempre) o, più semplicemente Tres.  Tre musicisti eccezionali, rispettivamente chitarra, basso e batteria, che hanno iniziato a suonare assieme nel 1989, (quando ancora ragazzini, fondarono la First Experience in onore degli Experience di Hendrix).  Nel Luglio del 1990 i First Experience aprirono la serata inaugurale del Pistoia Blues Festival, prima di John Hammond e B.B.King e poi per alcuni anni si esibirono in oltre 400 concerti in tutta Italia. Il gruppo strumentale si riforma nel 2008, quando Roberto Luti ritorna da New Orleans dove si era trasferito nel 1999, cresciuto grazie a importanti esperienze che i tre hanno accumulato in varie internazionali, ha appena regalato al pubblico 15 nuovi brani con “Queen of the water”, album godibilissimo, curato, intenso, totalmente autoprodotto con l'aiuto di un crowdfounding a cui hanno partecipato centinaia di persone.

Ad aprire la serata, sabato 13 luglio alle 21 l’immancabile appuntamento con i concerti della fase finale di selezione del concorso “International Blues Challenge” (Ibc) del Mississippi. Da tempo il Deltablues contribuisce a selezionare in Polesine i talenti per il più importante evento mondiale di promozione dei gruppi Blues emergenti degli Stati Uniti d’America e quest’anno ha organizzato l’evento in collaborazione con il Pordenone Blues Festival. Per le selezioni saliranno sul palco, per la categoria band, Willy Mazzer & the Headhunters e poi quella dei Boogie Bombers.

Willy Mazzer & the Headhunters. Band nata nel 1992 con l'idea di fare una Blues Band che permettesse da un lato di suonare quanto ascoltato e imparato dai grandi maestri del Blues e dall’altro di fondere più stili. Il gruppo è formato da Willy Mazzer armonica e voce, Carlo De Bei alla voce e chitarra, Dario Sgobaro basso, Paolo Callegaro batteria, Cristiano Schiabello chitarra.

Boogie Bombers. Nel 2004 tra le jam sessions dell’underground torinese si incontrano due tra i più giovani musicisti della scena blues locale: l'armonicista e cantante Andrea “Boris” Borasco e il chitarrista Joele “Joe” Musso. Dal 2013 la band assume la sua forma attuale, che si consolida tanto da spingere i suoi elementi a scegliere il nome Fratelli Tabasco e, alla maniera dei Ramones, ad assumere nuovi nomi d’arte per rendere evidente il loro legame nella musica e il loro stile power blues esplosivo e piccante. Simone Tabasco, alla batteria ed alle percussioni dalla nascita del gruppo, e Marco Tabasco al basso elettrico completano, definiscono e rifiniscono perfettamente il loro sound. Nell’autunno 2018 la band si ripropone come Boogie Bombers.

Il festival Deltablues è organizzato da Ente Rovigo Festival con il contributo della Fondazione Cassa di risparmio di Padova e Rovigo (Cariparo), la collaborazione del conservatorio statale Venezze, il sostegno di Regione Veneto, Provincia di Rovigo, e dei Comuni di Rovigo, Lendinara, Loreo, Occhiobello, Porto Tolle, Rosolina.
Articolo di Giovedì 11 Luglio 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it