Condividi la notizia

COMUNE BADIA POLESINE

Il Pd lancia l’allarme sicurezza a Badia

Enrico Mercadante, Stefano Dall’Aglio e Manuel Berengan puntano il dito contro l’inerzia dell’amministrazione e del vicesindaco Antonietta Giacometti

0
Succede a:

BADIA POLESINE (Rovigo) - Prima il gruppo di minoranza di Adesso Badia e ora anche il Pd locale sollevano il problema della sicurezza in città, soprattutto dopo gli ultimi ripetuti episodi riportati anche dai mezzi d’informazione (LEGGI ARTICOLO).

In effetti, divampa la polemica anche sui social e molti si aspettano risposte risolutive dall’amministrazione Rossi. 

Insomma a Badia è meno tranquilla d’un tempo anche se, fortunatamente in alcuni casi i furti sono rimasti tentati ma, va detto che  i danni subiti dai commercianti sono abbastanza gravi (LEGGI ARTICOLO). Enrico Mercadante, segretario del Pd di Badia Polesine, Stefano Dall’Aglio, componente della assemblea nazionale del Pd e Manuel Berengan, della segreteria provinciale del Pd Rovigo fanno sentire la loro voce anche se privi di rappresentanza consigliare in comune. 

Il Pd locale invoca fatti e non parole per trovare una soluzione che possa riportare la convivenza civile in termini accettabili. “Non ci si venga a raccontare la solita cantilena per la quale ‘il Comune non può fare nulla’ - dicono i tre - Il Comune può agire, eccome, altrimenti come si giustificherebbe l’apposito assessorato ricoperto dal vicesindaco Giacometti? Dove sono finite le tante promesse fatte in campagna elettorale e nel primo periodo post-elezione, durante il quale la stessa onorevole vicesindaco si era dimostrata attentissima al problema dell’accattonaggio in centro a Badia? A cos’è servito dotare la polizia municipale di pistole? Si vuole che anche a Badia gli esercenti esasperati si riducano a dormire nei negozi per scongiurare gli assalti?”.

Dalla cronaca emerge evidente come gli autori dei tentati furti non siano malviventi di alto profilo, quanto piuttosto disperati o balordi che cercano contanti lasciati in cassa. Poco, però, importa a chi subisce il danno e si trova con infissi, porte o vetrine sfondate o, peggio, si trova a fronteggiare gli intrusi come qualche volta è capitato. In ogni caso lo stress ed il danno psicologico patito supera anche di molto quello economico. 

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Sabato 13 Luglio 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it